"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Baires – E’ questa la Piazza Lavater che volevate?

La situazione di Piazza Lavater è indecorosa, ma si differenzia da altre piazze, perché per questo spazio era prevista la costruzione di un parcheggio sotterraneo che avrebbe permesso la risistemazione superficiale con nuovo verde e un arredo urbano più curato e meno soffocato dalle auto. A questo parcheggio si è subito opposto un comitato, che, con spiegazioni quanto meno poco condivisibili, ha di fatto bloccato i lavori per anni (complici le elezioni comunali) con il risultato finale di stralciare il progetto dal Piano Parcheggi e utilizzare risorse pubbliche per pagare le penali ai costruttori. Ma al danno bisogna aggiungere la beffa, dato che il comitato, che tanto si opponeva al parcheggio, di fatto tollera una situazione vergognosa, caotica e di fatto illegale, con macchine parcheggiate in ogni dove… senza il minimo rispetto dei pedoni e di tutti quei cittadini che soffrono nel vedere uno spazio tanto bello, deturpato dall’inciviltà e dal miopismo di una minoranza di abitanti.
2012_Lavater_foto1 2012_Lavater_foto2 2012_Lavater_foto3 2012_Lavater_foto4 2012_Lavater_foto5 Piazzale_Lavater_viabilita_1
Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.