"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Il senso del decoro e della monumentalità a Milano non esiste

Il senso del decoro e della monumentalità spesso manca a Milano. Questo è uno dei milioni di esempi che potrei fare: Porta Garibaldi. Cercare di scattare una foto all’arco della Porta e al nuovo skyline è un’impresa: pali e semafori piazzati senza un minimo di decoro. Qui, addirittura, troviamo ancora alcuni cartelli con le indicazioni per Linate Bergamo Pavia e Piacenza, che servivano a chi, ormai una decina di anni fa, entrava in Via Crespi provenendo da Corso Garibaldi, corso che oggi è a senso unico ed in direzione opposta. Quindi nessun automobilista può oggi anche solo vedere quegli inutili cartelli, perché da Corso Garibaldi non può più immettersi. Perché chi sovraintende alla viabilità non se n’è mai accorto? Per di più la piazza è stata sistemata recentemente, dopo anni di lavori di costruzione del parcheggio sotterraneo.
Qualcuno pertanto si sarà occupato della viabilità di questa piazza. Anche la scelta di consentire a pedoni, passeggini, biciclette di attraversare viale Crespi in un unico punto, per giunta ristrettissimo, mi sembra alquanto insensato. Non sto a dirvi la congestione che si crea a volte per passare. E, ciliegina sulla torta, proprio davanti all’arco, sono stati istallati due bei semafori a ponte, ingombranti e brutti a vedersi. Perché?


Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.