"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

La Giunta veneziana dà il via libera alla pista ciclabile sul ponte della Libertà

Da Mestre a Venezia in bicicletta, attraverso una pista ciclabile sicura e illuminata, che si inserisce in un percorso che, dall’Isola del Tronchetto, lungo il ponte della Libertà, arriva sino a Piazza Ferretto. Un’infrastruttura attesa da decenni, che con la delibera approvata dalla Giunta comunale di oggi, diventa una realtà.
 La pista si allungherà per circa sei chilometri partendo da via Pacinotti. Utilizzando il percorso ciclabile di via Torino (raggiungibile sia da viale San Marco tramite viale Ancona, sia da corso del Popolo, passando per il nuovo cavalcavia in via Torino e usando il sottopasso esistente per attraversare la SR11) si arriva all’incrocio tra via Pacinotti e la SR11, si procede per via dell’Elettrotecnica – via dei Petroli – via dell’Idraulica e si arriva alla testa del ponte della Libertà. Qui si prevede l’utilizzo del tratto del marciapiede a sud con un percorso bidirezionale lungo tutto il rettilineo di tre chilometri, che può contare su una sezione di due metri e venti. L’ultimo tratto di 750 metri del ponte translagunare, nel quale il marciapiede si restringe, la soluzione proposta prevede la realizzazione di una passerella metallica a sbalzo di larghezza utile pari a 2,5 metri.
Tutto il percorso ciclabile sul ponte sarà illuminato con un innovativo impianto a led, omogeneo a quello previsto per la sede stradale in entrambi i lati della carreggiata.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.