"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Una brutta chiesa che raccoglie l’eredità di una chiesa scomparsa

In Piazza Bernini, in piena Città Studi, all’inizio del secolo venne costruita per il nuovo quartiere una chiesa.

Onestamente credo sia una delle più brutte chiese di Milano. Sia esternamente che internamente. In origine progettata con l’aspetto tardo rinascimentale – manierista classico dell’eclettismo, col tempo è stata stravolta più volte e ingrandita. Oggi appare un ibrido moderno senza possedere una vera identità. Esternamente ha assunto l’aspetto essenziale tipico dei palazzi costruiti negli anni Sessanta col pronao che sembra più una pensilina dei tram che l’ingresso ad un tempio cristiano. Il rivestimento in mattonelle ha attenuato un po’ l’aspetto altrimenti desolante. L’interno a croce greca, è stato spogliato da ogni orpello lasciando solo alcuni decori eclettici di scarso interesse come le cornici.
Al suo interno sono conservati alcuni elementi della vecchia chiesa del Bottonuto, come l’altare e la mobilia, che ora stride parecchio con l’aspetto essenziale dell’interno.

S. Giovanni in Laterano In piazza Bernini negli anni Disegno Ipotesi

S. Giovanni in Laterano In piazza Bernini negli anni Disegno Ipotesi di come sarebbe potuta essere

L’attuale edificio fu eretto nel 1928, col titolo di “Madonna del Rosario di Pompei“, sull’area dell’antico oratorio dei SS. Fermo e Rustico alle Cascine Doppie, in stile neo rinascimentale. La nuova chiesa di piazza Bernini rimase incompiuta per lungo tempo.

Da: le chiese di Milano del Ponzoni 1929-30

Santa Maria di Pompei in San Fermo e Rustico.
Occorre spiegarne il perché di questo nome alquanto strano. Anticamente esisteva in questo luogo una chiesa dedicata ai SS. Fermo e Rustico, eretta per co modità della popolazione campestre delle Cascine Doppie. Divenne in seguito proprietà del Luogo Pio della Carità e l’8 gennaio 1809 ne venne benedetto il nuovo altare. Nel 1814 tutta la chiesa fu rinnovata.

Nel 1919 la Congregazione di Carità e il Municipio abbatterono la chiesa. Arbitrio per cui la Fabbriceria parrocchiale del SS. Redentore dovette adire le vie legali. Nel 1923 si chiuse la vertenza con una transazione che riconosceva i diritti della fabbriceria, a cui la Congregazione di Carità e il Comune versavano una somma convenuta, per la costruzione, nella stessa località, di un’altra chiesa.
Il 13 giugno 1926 S. E. il Card. Tosi pose la prima pietra del nuovo Santuario, il quale all’antico titolo aggiunse quello di Madonna di Pompei. Fu aperta al culto il 21 aprile 1928.
Questa chiesa, per rispondere ai bisogni della vasta zona in cui è posta, avrebbe dovuto avere un’area assai più ampia, il che, purtroppo, o non fu previsto o fu sconsigliatamente non voluto.
Il disegno della chiesa è dovuto all’architetto Oreste Scanavini. Esternamente è ancora grezza e, così come è, non ha lince caratteristiche che la collochino in un determinato stile. Internamente comunque dà una discreta sensazione di largo respiro.

Santa Maria di Pompei in piazza Bernini 1929-30 Oggi San Giovanni in Laterano

S. Giovanni in Laterano In piazza Bernini negli anni 40

S. Giovanni in Laterano in piazza Bernini negli anni 30

Il titolo di San Giovanni in Laterano apparteneva in origine ad un’altra e piu’ antica chiesa, ubicata nel centro della città, all’incrocio tra via del Pesce (l’odierna via Paolo da Cannobio) e l’antica via Tre Alberghi al Bottonuto. La chiesa originale sembra fosse del 300 DC ed era intitolata a San Giovanni Isolano (forse perché costruita tra due ruscelli che formavano un’isola?); solo nel 1645 fu concessa da papa Leone X l’intitolazione a San Giovanni Laterano, proprio come l’omonima basilica di Roma, anch’essa risalente al 300 circa. Dopo la sconsacrazione e l’uso come deposito militare durante la prima guerra mondiale, venne demolita negli anni ’30 nonostante fosse stata dichiarata monumento nazionale, proprio per far posto alla nuova piazza Diaz.
Quando questa fu abbattuta nel 1936, il titolo passò alla nuova parrocchia eretta in piazza Bernini, per decreto del 1934.

Nel 1939 venne ideata dal prevosto Giuseppe Mazzucchelli e progettato dall’architetto Giovanni Muzio un nuovo maestoso tempio da dedicare a Maria “Regina Pacis” e da costruirsi in piazza Leonardo da Vinci, ma il sopraggiungere della guerra ne impedì la realizzazione. Avrebbe sostituito la ormai piccola chiesa ancora incompiuta di San Giovanni in Laterano.

La chiesa venne invece ampliata, per quanto possibile, negli anni 1964-65. Il 27 gennaio del’63 fu inaugurata la cripta; i lavori proseguono con l’ampliamento della chiesa sul lato di Via Enrico Nöe (cappella detta di San Giuseppe); vennero quindi aggiunte la balconata, l’abside, la sacrestia e in minima parte la casa parrocchiale.

Nella Pasqua del ’64 furono completati i finimenti alla cappellina del Battistero e restaurata la pala del Sacro Cuore , opera del pittore Fossombrone.

All’arch. Buttafava si deve invece la nuova cappellina del Crocefisso, ricavata a destra dell’ingresso, con pavimento e zoccolo in marmo di Candoglia. L’esigenza di spazio è stato il movente essenziale delle modifiche apportate alla chiesa.

Piazza Bernini e Chiesa di San Giovanni in Laterano

Piazza Bernini e Chiesa di San Giovanni in Laterano

 

La chiesa oggi…

2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini A 1 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini A 2 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini A 3 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini A 4 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 1 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 2 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 3 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 4 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 5 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 6 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 7 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 8 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 9 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 10 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 11 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 12 2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 13   2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 16
 I dipinti e oggetti son stati trasportati nella nuova chiesa di San Giovanni in Laterano in piazza Bellini

2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 17 Pala con S. Filippo Neri, di anonimo del XVII sec  2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 15

S. Giovanni in Laterano Dipinto di Procaccini

Pala di Ercole Procaccini il Giovane con i santi Carlo, Giuseppe, Bernardo e Francesco. Si trovava nella prima cappella a sinistra della vecchia chiesa. E’ il pezzo più importante.

2014-05-31 San Gioanni Laterano Piazza Bernini B 14

San Giovanni in Laterano al Bottonuto nel primo Novecento. Nella foto della navata interna si possono notare gli oggetti trasportati nella nuova chiesa. Seguono alcune foto durante la demolizione 1936/7
Bottonuto San Giovanni in Laterano 1 Bottonuto San Giovanni in Laterano Interno S. Giovanni in Laterano al Bottonuto Esterno  Piazza Diaz nel 1937, si vede ancora lo spigolo della chiesa di San Giovanni Laterano al Bottonuto S. Giovanni in Laterano al Bottonuto durante la demolizione




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


One thought on “Milano | Città Studi – Una brutta chiesa che raccoglie l’eredità di una chiesa scomparsa

  1. Giuseppe Lotta

    Dovresti venire a fare un giro ora.. l’interno è stato radicalmente trasformato: è stato eliminato eliminato il fondale dietro all’altare, tutte le pareti ed il soffitto sono state dipinte da Valentino Vago e, sulla cantoria, è stato collocato un organo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.