"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Tutto ha un tempo, anche il glicine della chiesa protestante

In Via Marco De Marchi 9, proprio dove si trova la Chiesa Cristiana Protestante di Milano, sul muro in mattoni e archi che racchiude il giardinetto retrostante si trova da decenni una pianta di glicine. E’ sempre stato una meraviglia col suo contorto fusto che cercava di arrotolarsi tra le inferiate della cancellata e gli archi in mattoni, protetto dai passanti con un piccolo recinto. Oggi questo glicine è stato ridotto, forse ha sofferto e qualcuno ha cercato di salvarlo in qualche modo. Peccato, come sempre tutto ha una scadenza… speriamo si riprenda e torni a deliziare quest’angolo milanese.

 

Nelle prime tre foto la pianta come appariva prima

Glicine_Chiesa_Protestante_2009

Glicine_Chiesa_Protestante_2009_B

Glicine_Chiesa_Protestante_2014

 

Ecco come è ridotta la povera pianta…

2016-03-26_Glicine_Chiesa_Protestante-3 2016-03-26_Glicine_Chiesa_Protestante-2 2016-03-26_Glicine_Chiesa_Protestante-1 2015-01-10 Via Giardini 0 Chiesa Cristiana Protestante in Milano

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


4 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Tutto ha un tempo, anche il glicine della chiesa protestante

  1. Anonimo

    Senza offesa per nessuno mi sembra un minimo eccessivo un articolo su un glicine che come tutti i glicini potati (magari tardivamente) non è ancora entrato nella ripresa vegetativa.
    Il glicine è una pianta iper resistente e molto longeva (basti pensare al “glicine di leonardo” al Morivione che è ancora li dopo qualche secolo….
    Siamo al 6 di aprile…datele tempo 15 giorni ed è ripartito. Datele tempo due mesi e i suori rami si sono già ri avvinghiati al muro.
    E’ semplicemente stato potato come è giusto che sia…anche perché è una pianta molto forte che altrimenti il muro lo disintegra.

  2. davide bassini

    Concordo con il commento di “anonimo” qui sopra, fare un articolo su un glicine potato è davvero eccessivo e, lasciatemi dire, alquanto fuori luogo.
    Sono un vostro affezionato seguitore da anni ed ho sempre apprezzato il vostro impegno e la vostra passione però ultimamente questo blog sta somigliando sempre di più ad un giornaletto di parrocchia in cui pur di pubblicare notizie nuove ogni giorno si cade spesso in servizi su problemi che hanno il respiro, lo dico senza alcuna cattiveria, di una portineria. Purtroppo ultimamente invece che discutere di architettura, urbanistica, opere e progetti si discerne principalmente di tags e inciviltà varia. Mi rendo benissimo conto che anche questi sono problemi che influiscono sull’immagine e la qualità della vita milanese, ma tornare a volare un po’ più in alto come nel passato non guasterebbe.
    Un vostro fedele follower.

  3. Ant M

    Al contrario dei primi due commenti e non per spirito di contraddizione o di polemica, a me l’articolo interessa.

    A me piace questo sito perchè si occupa sia dell’alto che del basso,
    delle grandi architetture come dei piccoli segni sparsi sul territorio urbano.

    Passandoci spesso davanti, mi ha sempre colpito quell’antica recinzione che invade il marciapiede (in netto contraddizione con di tutti i paradigmi sulle barriere architettoniche) e la trovo interessante come segno urbano a protezione di una pianta antica e spettacolare.

    Buona serata a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.