"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cascina Merlata – Le novità e il cantiere a Cascina Merlata

Dunque, recentemente siamo passati a vedere a che punto sono con la costruzione delle nuove residenze a Cascina Merlata il quartiere dove nel 2015 sono state ospitate le delegazioni estere e non solo all’Expo Village. Abbiamo visto visto che il reparto R4 (vedi mappa) sulla via Gallarate  è stato completato nella sua struttura, mentre troneggia la nuova torre di 24 piani progettata da Antonio Citterio Patricia Viel and Partners nel lotto R7.

Mappa_Cascina_Merlata_Settori

2016-06-12_Cascina_Merlata_1

LA costruzione sulla Via Gallarate del Lotto R4

2016-06-12_Cascina_Merlata_2 2016-06-12_Cascina_Merlata_32016-06-12_Cascina_Merlata_6 2016-06-12_Cascina_Merlata_7 2016-06-12_Cascina_Merlata_8

Abbiamo visto che sono stati eliminati i parcheggi creati per Expo che separavano Cascina Merlata con il Cimitero Maggiore.

2016-06-12_Cascina_Merlata_9 2016-06-12_Cascina_Merlata_10 2016-06-12_Cascina_Merlata_11 2016-06-12_Cascina_Merlata_12 2016-06-12_Cascina_Merlata_13

La torre di 24 piani ancora da completare in altezza e progettato da Antonio Citterio Patricia Viel and Partners nel lotto R7

2016-06-12_Cascina_Merlata_4 2016-06-12_Cascina_Merlata_5

2016-06-12_Cascina_Merlata_14 2016-06-12_Cascina_Merlata_15 2016-06-12_Cascina_Merlata_16

Questa invece è l’altra palazzina in costruzione nel lotto R9. Il giardinetto-boulevard è venuto molto bene ed è ben curato.

2016-06-12_Cascina_Merlata_17 2016-06-12_Cascina_Merlata_182016-06-12_Cascina_Merlata_20

Il “vecchio” Expo-Village ora è in vendita a prezzi calmierati, anche se a guardare bene le torri sembrano ancora vuote.

2016-06-12_Cascina_Merlata_19

L’area che dovrebbe diventare parco e che per ora è un campo selvaggio, con in lontanaza le torri di CityLife

2016-06-12_Cascina_Merlata_21 2016-06-12_Cascina_Merlata_22

Qui siamo al campo giochi dei bambini e nell’unica porzione di parco realizzata per il periodo Expo.

2016-06-12_Cascina_Merlata_23 2016-06-12_Cascina_Merlata_24 2016-06-12_Cascina_Merlata_25 2016-06-12_Cascina_Merlata_26 2016-06-12_Cascina_Merlata_27

Dall’altro possiamo vedere il raccordo con sottovasi che collega l’autostrada A4 Torino-Trieste con la A8 Milano Laghi passando da quello che era la parte terminante della Via Tribonianoe che a sua volta si connette con la SS11 per Magenta.

2016-06-12_Cascina_Merlata_28 2016-06-12_Cascina_Merlata_29 2016-06-12_Cascina_Merlata_30

In questo punto dovrà sorgere il nuovo complesso del “Merlata Mall”, quello che sarà il centro commerciale più grande all’interno dei confini del Comune di Milano. E’ notizia recente che le due società, EuroMilano proprietaria dell’area e Fawaz Abdulaziz al Hokair Real Estate Co. acquirente, hanno firmato il contratto preliminare di cessione di Merlata Mall spa., società veicolo dell’immobiliare milanese che sviluppa la parte commerciale del nuovo quartiere Cascina Merlata. Il Centro commerciale, già pensato sin dagli albori del progetto Cascina Merlata, servirà ad attutire il rumore dell’autostrada dalle residenze e creerà uno spazio sociale e commerciale che servirà non solo il nuovo quartiere residenziale, ma anche il vicino e futuro centro tecnologico in programma al posto dell’Ex sito Expo. L’apertura del nuovo centro commerciale è prevista entro il 2019.

Di seguito il progetto dello Studio L22

 

Cascina_Merlata_Centro_Commerciale_1 Cascina_Merlata_Centro_Commerciale_4 Cascina_Merlata_Centro_Commerciale_3 Cascina_Merlata_Centro_Commerciale_2 Cascina_Merlata_Centro_Commerciale_5

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Cascina Merlata – Le novità e il cantiere a Cascina Merlata

  1. -Ale-

    Spero vivamente che tutti quegli edifici non vengano realizzati!
    Sono tutte grosse volumetrie ed anche se in mezzo c’è un parco, diventerà un area cementificata, affollata, senza respiro.
    Non comprendo come si costruiscano ancora certi formicai, centinaia di appartamente ammassati in poco spazio.
    Nelle vicinanze (tra via Parabiago e Via Castellanza) hanno da poco spacchettato il complesso MyBonola, un casermone, Un appartamento li non lo prenderei mai!

    1. Claudio K.

      Concordo! Le torri del tanto decantato Villaggio Expo sembrano i casermoni bianchi del Gratosoglio con una mano di vernice colorata sopra.

      Non vorrei un appartamento lì manco se me lo regalassero.

      Piuttosto, si sa qualcosa del centro commerciale? Non sarà diventato superfluo adesso che c’è il megacentro di Arese?

  2. wf


    Il condominio di j.ballard

    Feltrinelli
    Un elegante condominio in una zona residenziale, costruito secondo le più avanzate tecnologie, è in grado di garantire l’isolamento ai suoi residenti ma si dimostrerà incapace di difenderli. Il grattacielo londinese di vetro e cemento, alto quaranta piani e dotato di mille appartamenti, è il teatro della generale ricaduta nella barbarie di un’intera classe sociale emergente. Viene a mancare l’elettricità ed è la fine della civiltà, la metamorfosi da paradiso a inferno, la nascita di clan rivali, il via libera a massacri e violenza. Il condominio, con i piani inferiori destinati alle classi inferiori, e dove via via che si sale in altezza si sale di gerarchia sociale, si trasforma in una prigione per i condomini che, costretti a lottare per sopravvivere, danno libero sfogo a un’incontenibile e primordiale ferocia.


    La fuga verticale del condominio, protagonista insieme alle sue interiora brulicanti di vita di questo breve ed intenso romanzo, è metafora del climax ascendente della follia che man mano si fa strada tra gli abitanti di questo insospettabile edificio. Costruzione all’avanguardia, capace di ospitare nei suoi molteplici piani la più varia umanità, il grattacielo diviene ben presto il campo di battaglia in cui si affrontano in maniera drammatica e cruenta diverse forze sociali incapaci di convivere pacificamente. Come incantati dall’accattivante fascino di una struttura in grado di offrire ai suoi abitanti qualsiasi tipo di comodità, i residenti si rinchiudono man mano all’interno dell’edificio, rifiutanto i contatti con l’esterno. Man mano la vita esterna viene sostituita completamente dagli articolati meccanismi della convivenza condominiale, dando vita ad una regressione allo stato primitivo dei soggetti coinvolti.
    Il libro è la favola nera del progressivo disgregamento della coscienza civile. Il condominio del titolo è un’isola primordiale alla deriva nel mare magnum della corruzione della coscienza umana. Un presagio del mondo a venire, più che un semplice romanzo di fantascienza, affrontato con la solita fredda lucidità di un autore senza precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.