"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Napoli | La città diventa glamour grazie a Dolce&Gabbana.

Finiti i quattro giorni del mega evento che ha visto coinvolti la città di Napoli e la casa di moda Dolce&Gabbana.

I due stilisti hanno scelto Napoli per festeggiare i 30 anni della loro azienda. E lo hanno fatto in grande stile. Hanno scelto Napoli per la festa, in particolare il centro Storico Partenopeo.

I due stilisti poi hanno invitato circa 500 vip da tutto il mondo. Come madrina della manifestazione hanno scelto Sofia Loren, dove nella giornata di sabato gli è stato consegnato il titolo di “cittadina onoraria” dal sindaco Luigi de Magistris nelle sale del Maschio Angioino.

Andiamo per gradi.

La giornata di venerdì ha visto gli stilisti e ospiti nella sfilata esclusiva in villa Pignatelli, sulla Riviera di Chiaia.

La giornata di sabato ha visto la sfilata donna autunno 2016, con una passerella speciale. La storica via di san Gregorio Armeno è stata usata come passerella naturale. I due stilisti han voluto aperte le storiche botteghe durante la manifestazione. Non sono mancati omaggi a San Gennaro e dediche a Maradona.

2016_Dolce&Gabbana_Napoli_1 2016_Dolce&Gabbana_Napoli_2 2016_Dolce&Gabbana_Napoli_3 2016_Dolce&Gabbana_Napoli_4

dg2 dg

 

Il secondo giorno ha visto castel dell’Ovo come scenario per la presentazione Uomo autonno2016.

dg3

mentre per l’esclusivo party finale, domenica sera, è stato lo storico “bagno Elena” di Posillipo a ospitare il gran party finale.

 

Ma vediamo come ne esce la città dopo questi giorni glamour

Federalberghi fa sapere di 4 giorni dove il 100% delle stanze sono state occupate. Il boom va avanti anche per il fine settimana prossimo

40mila euro sono stati dati per la pulizia e la presenza di vigili urbani, polizia ecc in più durante la manifestazione. altri 40mila euro sono stati dati per finanziare lavori nel centro storico. I due stilisti si sono accollati le spese per completare il restauro del campanile pensile di san Gregorio Armeno, dove i lavori erano fermi da tempo. Più altri lavori.

15mila ero il fitto per castel dell’Ovo al comune di Napoli. Altri soldi sono stati spesi per il Bagno Elena e feste varie.

Si parla di due milioni di euro la prima stima come indotto generato dall’evento. Basti pensare solo ai mega yacht dei vip ormeggiati a Megellina. Una grossa impennata di vendita di souvenir artigianali è stata registrata nel centro storico.

Ma se da una parte la stampa nazionale ha taciuto sul grande evento, non trattandosi di camorra per passare la notizia nei vari tg, più attenta è stata la stampa estera. Il più grande guadagno per la città è stata l’immagine che i due stilisti hanno voluto dare al mondo. Evento più che riuscito, soddisfazione da entrambe le parti. Dolce&Gabbana già promettono di ritornare.

Nel mentre, un’altra casa di moda Francese ha già scelto Napoli settimane fa, girando un video per presentare la sua collezione, nei vicoli del centro storico.

 

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.