"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Babila – L’Apple store per Natale 2017

Chi sperava che l’Apple store fosse pronto per la fine del 2016, dovrà attendere ancora un bel po’, almeno un altro anno.

Ieri pomeriggio, all’Urban Center in Galleria, l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran ha incontrato i vertici dell’azienda e i rappresentanti di Confcommercio. Se tutto va bene il cinema chiuderà con l’inizio del prossimo anno e subito dopo potranno partire i lavori per la trasformazione della piazza e del sottostante spazio “commerciale”.

La piazza è privata ma con il vincolo d’uso pubblico e fu ricavata sul suolo del vecchio Hotel Corso e teatro Trianon di Corso Vittorio Emanuele II, distrutto dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale; la ricostruzione comportò la ristrutturazione della bella facciata liberty arretrata rispetto al corso e la creazione di una piazza pubblica con la sala cinematografica al di sotto di essa.

hotel_corso_teatro_trianon_milano_1947-48

L’Hotel Corso e il Teatro Trianon nel dopoguerra 1947-48

La piazza del Liberty venne pedonalizzata e riqualificata dal 2012 creando un nuovo spazio collettivo, con nuovi dehors, perciò sarà necessario un accordo con gli esercizi commerciali affacciati sulla piccola piazza per dare il via ai lavori della società di Cupertino.

Il progetto di Apple è stato affidato come sempre allo studio di Norman Foster, il quale per Milano deve studiare qualcosa di diverso.

“Lo Store avrà un design incredibile, sarà un simbolo di apprezzamento verso la vostra cultura” così disse Tim Cook nel novembre dello scorso anno. Da quanto scritto sul Corriere della Sera, il negozio di Milano avrà una cascata d’acqua alta sette metri che segnerà l’ingresso alla scalinata in vetro che scenderà nel sottostante store. Rimarrà parte della piazza ad uso pubblico e perciò il famoso e distintivo “cubo” non dovrebbe essere realizzato.

Insomma, si rinuncia al cinema storico – oramai un po’ in declino – per un nuovo punto catalizzatore che, volenti o nolenti, porterà altra gente nella bella piazza recentemente rinnovata.

Marco Barbieri, neosegretario generale Confcommercio spiega al Corriere della Sera: «Il progetto è nell’interesse della città e del commercio, porta un indotto importante ma va trovata una mediazione, perché come tutti i cantieri metterà in crisi attività che hanno già pagato un prezzo importante non molto tempo fa».

piazza-liberty-apple-store

L’immagine è solo evocativa, non è il progetto reale

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


14 thoughts on “Milano | San Babila – L’Apple store per Natale 2017

  1. Nic

    Io sto Apple Store l’avrai fatto in piazza diaz, eliminando lo schifosissimo parcheggio sotterraneo e riqualificando e pedonalizzando tutta la piazza. Un centro senza cinema la sera si svuota, è veramente un peccato per l’Apollo

  2. Anonimo

    per fortuna hanno rinunciato al cubo. sarebbe stato un cubo in un occhio.
    peccato per il cinema apollo (che però non mi pare proprio in declino, vedo sempre code per entrare): è l’unico cinema in centro, oltre all’eliseo, che ha film di qualità.

  3. wf

    Per i turisti internazionali sapranno che sulla cartina mondiale ci sarà un Apple store in zona Duomo.

    A me la Apple fa cag%$÷”^$, però è indubbio che sia un pallino per chi viaggia e ci viene a trovare.
    Avrà il suo bel riferimento in Duomo.

    Speriamo che possa contribuire a cambiare la fauna di zona, meno locale e più internazionale. Con un effetto domino sugli altri esercizi commerciali che oggi o sono mutandari oppure sono bar per bauscia.

  4. Anonimo

    Non ho capito una cosa.
    La Piazzetta recentemente (ben) riqualificata verrà nuovamente messa sotto cantiere per lo spazio Apple?

    Cioè, i soldi spesi dall’amministrazione sono stati soldi spesi inutilmente?
    Giusto per capire.

    Grazie

  5. Est71

    Scelta infelice per una piazzetta da poco riqualificata che nella sua attuale conformazione non ha certo bisogno di altri manufatti ingombranti a togliere spazio pedonale. Spero vivamente che la decisione di non fare il cubo sia confermata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.