"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – La trascuratezza di Via della Spiga

2017-01-03_via_spiga_cartelli_degrado_1 2017-01-03_via_spiga_cartelli_degrado_2

Talvolta il timore è di apparire ripetitivi, ma la situazione dell’arredo urbano a Milano è allo sbando.

Il bello è che, spesso, le periferie sono tenute meglio delle zone più centrali.

Non fa eccezione via della Spiga, una delle vie della moda nel famoso Quadrilatero d’oro. Un cartello informativo rotto da settimane e imbrattato dai soliti adesivi. Cartello affiancato, senza alcun principio estetico e regola del buon gusto, da un altro cartello che reclamizza eventi in città ma di più banale fattura e collocato senza criterio. Il tutto a coprire un albero natalizio che ora avranno eliminato. Poco lontano il solito pot-pourri di pali di ogni fattura e bruttezza. Insomma, basterebbe un po’ di attenzione e un più coerente arredo urbano anche per questa zona così importante e bella.

2017-01-03_via_spiga_cartelli_degrado_3 2017-01-03_via_spiga_cartelli_degrado_4

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


One thought on “Milano | Porta Venezia – La trascuratezza di Via della Spiga

  1. Fabrizio

    Classica stratificazione “geologica” di iniziative di giunte diverse…
    un giorno qualcuno pensò di realizzare la palina informativa fissa, un altro bel giorno qualcuno decise di posare quei così grigi facenti la stessa funzione.
    Probabilmente i primi sono pochi e con un formato troppo specifico per farci delle locandine ad hoc.
    Quindi, invece di trovare una soluzione che salvaguardasse anche il primo investimento, si è preferito abbandonarlo al suo destino con questo squallido risultato.. Piuttosto che si dia in concessione a terzi la parte vuota della palina fissa in cambio di manutenzione e soldi per le casse del comune…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.