"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Magenta – La palina per la ricarica

2016-12-30_Magenta_Marchesi_1 2017-01-13_Magenta_Marchesi_1

E noi che si sperava in un intervento della pasticceria Marchesi, visto che ora è proprietà di Prada, per una sistemata a quell’angolo da sempre utilizzato come parcheggio.

Voilà, il parcheggio è rimasto ed è stato sistemato meglio, diventando una stazione per ricaricare la propria vettura elettrica.

Per carità, questi servizi sono indispensabili in una città come Milano, ma noi ci domandiamo se non fosse stato il caso, magari, di trovare un altro punto dove collocare la colonnina per la ricarica anzichè posizionarla davanti ad uno dei pochi negozi storici e a questa graziosa palazzina, già decontestualizzata negli anni Trenta, che meriterebbe un trattamento migliore. Sappiamo che l’intervento è dovuto al vicino negozio che promuove la mobilità elettrica.

2017-01-13_Magenta_Marchesi_2 2017-01-13_Magenta_Marchesi_3 2017-01-13_Magenta_Marchesi_4 2017-01-13_Magenta_Marchesi_5

 

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


7 thoughts on “Milano | Porta Magenta – La palina per la ricarica

  1. robertoq

    Avanti di questo passo, dopo i banani in da frappuccino e le colonnine da e.store cosa ci dobbiamo aspettare?
    Forse la ristrutturazione delle linee tranviarie per far sparire più tram possibile da Piazza Cordusio, visto che scocciano ai nuovi proprietari degli edifici nella piazza? 😉

      1. robertoq

        La mia era solo una battuta, visto che con tutti quei tram in Cordusio non puoi mettere i tavolini all’aperto per i turisti.. 🙂

        Comunque non posso pensare che il comune tagli le linee sul serio come dice l’articolo (specie dopo che ha speso 100 milioni in autobus ibridi, che se doveva risparmiare un bel sano ed economico Euro 6 andava benone lo stesso). Spero il giornalista esageri.

    1. Renato S.

      Già proposto: vogliono un senso unico alternato per avere più spazio dove piazzare i dehor dei bar.
      E nell’elenco si può mettere anche la stazione Bikemi di via Marconi, di fianco al Duomo, sotto sfratto per il nuovo allestimento del marciapiedi davanti al palazzo Reale Mutua.
      Siamo a Milano: basta avere i dané che tutto è possibile…

  2. Anonimo

    Ma daaaaiiiii…. Ma possibile che ancora non ci arrivano che la zona della Milano Romana va valorizzata con zone pedonali aree ZTL e allargamento dei marciapiedi… Oltre che ciechi sono anche sordi adesso ??? Le colonnine elettriche Son ovviamente le ben venute ma come si fa a piazzarne una proprio davanti alle rovine del teatro Romano. Cari Granelli e Maran quando vi renderete conto che questa zona ha bisogno subito di essere valorizzata e sfruttata turisticamente per tutto quello che offre ? Dai che piano piano ci arriviamo….😀😀😀

  3. Dado

    Scusate, ma a me sembra solo l’iniziativa privata del negozio e-move che li’ davanti ha sede:

    http://www.e-move.me/?gclid=Cj0KEQiAtqHEBRCNrdC6rYq9_oYBEiQAejvRl2oEk_CKayovbEh0l-27Ln2gPzW3Y1izIPrW9wBYW80aAl1u8P8HAQ

    Evidentemente per Prada non c’è ritorno d’investimento a trasformare anche questo angolo. Del resto dopo aver presidiato l’ottagono, e montenapoleone, con la sua pasticceria – il cerchio è chiuso – mi sembra già tanto che non l’abbia chiuso definitivamente.

    Magari ci fossero piu’ spot per ricaricare l’auto elettrica (soprattutto fuori la cerchia)! vorrebbe dire che la città starebbe pensando al futuro della mobilità, che passa anche x il trasporto elettrico. Vedi altre città eurpee, una per esempio: la solita Parigi 🙁 (la cui sindaca è una vera paladina dell’ecologismo – parola che da noi è stata rimossa dal vocabolario evidentemente).

    http://www.paris.fr/services-et-infos-pratiques/deplacements-et-stationnement/deplacements/vehicules-electriques-2776#belib-et-autolib-les-bornes-de-recharges-pour-vehicules_1

  4. Jasonunums

    block ended this [url=http://onlinecasinos-x.com/]casino online[/url] where you can collect legitimate notes with the serve of this guidebookPlaying [url=http://onlinecasinos-x.com/online-roulette.html]roulette online[/url] , check this [url=http://onlinecasino-b.com/de/]casino[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.