"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cultura: art bonus per la Sala delle Asse di Leonardo

2016-09-05_Sala_Asse_Castello_24

Parte in questi giorni la campagna di comunicazione del Comune di Milano dedicata all’Art Bonus, lo strumento fiscale per contribuire alla realizzazione di interventi a favore del patrimonio artistico e culturale  ottenendo in cambio un significativo beneficio fiscale.

“Visto il sempre più importante coinvolgimento di cittadini e imprese ai progetti artistici e culturali milanesi, abbiamo ritenuto che fosse il momento giusto per sollecitare il legittimo orgoglio dei milanesi per il proprio prezioso patrimonio civico e per sostenere la diffusione della cultura del dono”, ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

I progetti pilota sui quali il Comune ha scelto di iniziare a investire tramite l’Art Bonus sono due: la Sala delle Asse di Leonardo al Castello Sforzesco e la Sala del Grechetto nella Biblioteca Sormani.

Noi abbiamo avuto qualche mese fa il privilegio di visitare in esclusiva la Sala delle Asse in restauro e siamo particolarmente legati a questo luogo che rappresenta in maniera esemplare la presenza di Leonardo nella nostra città (qui il link al nostro reportage).

La Sala delle Asse, che si trova al primo piano del torrione nord-est del Castello Sforzesco, prende il nome dalle assi di legno che un tempo rivestivano le pareti. La Sala era stata destinata dagli Sforza ad accogliere gli ospiti e gli ambasciatori. Leonardo Da Vinci, chiamato a Milano da Ludovico Sforza, realizzò nel 1498 la decorazione pittorica. Ideò e dipinse sulla volta, molto probabilmente con l’aiuto di collaboratori, un finto pergolato costituito da una serie di rami e da corde dorate e annodate che si intrecciano.
Nel 1499 il Ducato di Milano venne conquistato dai francesi e iniziò un periodo di decadenza per il Castello: sopra la pittura di Leonardo fu steso un intonaco di calce bianca, rimosso soltanto alla fine dell’Ottocento. Nell’ottobre del 2013 sono iniziati i restauri della Sala ad opera dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, sotto la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici e con la consulenza del Comitato scientifico per bloccare le cause del deterioramento pittorico, pulire le superfici e, soprattutto, recuperare la decorazione originaria. Le scoperte del restauro sono risultate straordinarie. Sono stati infatti rivelati nuovi frammenti a monocromo sulle pareti.

Per la Sala delle Asse è stata realizzata la progettazione relativa al completamento dell’intervento di restauro dei dipinti murali al fine della riapertura della Sala al pubblico nel 2019, in occasione delle celebrazioni del quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci.

Le celebrazioni del 2019 saranno l’occasione per offrire una visione complessiva dell’attività svolta da Leonardo a Milano, città nella quale visse più a lungo di ogni altra e nella quale lasciò opere importanti, ammirate da migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. L’intervento ancora da effettuare e per il quale si stanno cercando finanziamenti con l’Art Bonus è stato stimato in 1.800.000 euro.

È attivo un sito dedicato sul portale del Comune di Milano all’indirizzo https://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/st/Art_Bonus/ArtBonusMilano, sul quale si trovano tutte le informazioni sull’istituto dell’Art Bonus, sui progetti individuati e sulle modalità per versare il contributo.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.