"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Giambellino – Certo che se il Comune si impegnasse un po’

2016-06-14_giambellino_degrado_1 2016-06-14_giambellino_degrado_2 2016-06-14_giambellino_degrado_3

Ci sono zone critiche, dove il disagio urbano e sociale emerge con chiarezza e a Milano, purtroppo, ci  sono quartieri che andrebbero completamente rivoltati e riqualificati, come il Sindaco ha annunciato di voler fare.

Il Giambellino è uno di questi. Dove sorgono interi quartieri fortemente degradati il Comune ha intenzione di intervenire. Certo che, in molti casi, anche con piccole cose e piccoli interventi la situazione potrebbe, almeno in parte, migliorare. Con un piccolo sforzo. Perché, ad esempio, in queste zone il degrado urbano è al massimo? Perché nella parte centrale della via Giambellino si permette il parcheggio e non ci sono alberature? Perché le tracce degli incivili, che non vengono puniti e che abbandonano rifiuti e oggetti ovunque, vengono lasciate per settimane senza ripulire, come accade sul selciato delle rotaie del tram, dove l’immondizia abbonda indisturbata dando un senso di degrado ancora maggiore? Qui si percepisce proprio il degrado della via, specie nel tratto che va da Largo Giambellino a piazza Tirana.

Il progetto di riqualificazione del quartiere che il Comune ha intrapreso, deve ancora entrare nella sua fase operativa, e prevede anche una risistemazione della via Giambellino per eliminare quel senso di degrado che trasmette. Ma, nel frattempo, si potrebbe iniziare con una pulizia periodica.

Tempo fa avevamo provato ad immaginare la via Giambellino con gli alberi al posto dello sterrato. In attesa che la cosa diventi realtà.

2016-06-14_giambellino_degrado_4 2016-12-11_giambellino_degrado_1 2016-12-11_giambellino_degrado_2 2016-12-11_giambellino_degrado_3 2016-12-11_giambellino_degrado_4 2016-12-11_giambellino_degrado_5 2016-12-11_giambellino_degrado_6 2016-12-11_giambellino_degrado_7

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


6 thoughts on “Milano | Giambellino – Certo che se il Comune si impegnasse un po’

  1. CM

    per quel tratto di giambellino, vedo meglio una sistemazione analoga a via mecenate, perchè contro quel tipo di degrado non bastano gli alberi se poi a terra non c’è alcun riordino dell’arredo urbano.
    Tra l’altro, pare che su un lato vi siano sottoservizi, e quindi gli alberi si potrebbero piantare solo sull’altro….

  2. robertoq

    AMSA in quella zona è estremamente veloce e proattiva ad intervenire con i rifiuti ingombranti e non ho mai visto mobili, materassi, scaldabagni, vasche da bagno, tavoli o sedie rimanere più di qualche giorno, quindi almeno su questo la critica è ingenerosa.

    Sul resto avete ragione da vendere, io ad esempio non mi capacito della quantità di mozziconi di sigarette che ci sono alle fermate: ma la gente di quel quartiere è tutta tabagista all’ultimo stadio?

  3. Andy

    Sono d’accordo con l’utente robertoq: le critiche sono ingenerose, dato che l’Amsa è solerte a ripulire strade, marciapiedi e binari.
    Voglio però invitarvi a fare un confronto: guardate via Gambellino e poi andate a guardare la vicina via Lorenteggio e – camminando altri 3 minuti – via San Gimignano. Il discorso che faccio è brutto ma è reale: in Giambellino vivino meridionali ed arabi. E la puliia lascia a desiderare. In Lorenteggio abitano un misto di ogni tipo (con minor incidenza di arabi) ed è sufficientemente pulita mentre in San Gimignano abitano tanti ebrei e tanti milanesi di lunga residenza in città. E la via è un piccolo gioiello di pulizia. Ora fatevi soto con le lamentele di sinistra: le parerò una a una dato che saranno basate sul nulla cosmico.

    1. -Ale-

      Non è questione di etnia o religione, come può sembrare da un’analisi superficiale.
      E’ questione di stato sociale, ricchezza, cultura.
      Più vai in centro più le persone sono benestanti e istruite… e più sono abituate a non sporcare (il discorso però non vale con la civiltà nel parcheggiare).

      Sinistra e destra non centrano, basta non essere superficiali.

      Poi è anche questione di cultura della città. Andate nei quartieri arabi di Berlino e vedrete che non hanno nulla a che fare con il nostro Lorenteggio.

      1. Anonimo

        Mi devi spiegare cosa c’entra destra e sinistra col fatto che gli Arabi di Milano sono mediamente meno istruiti e poveri e quindi sporcano molto di più per strada (che non so che ci azzecchi, ma l’hai detto tu….)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.