"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Fiera-Molinazzo – Un’aiuola al posto della svolta

2017-02-26_Via_Lorenzo-di-Credi_1 2017-02-26_Via_Lorenzo-di-Credi_2

Via Lorenzo di Credi terminava, fino a pochi mesi fa, con un passaggio per le automobili prima di sfociare in piazzale Brescia. Oggi è diventato un bel prato ed è stata eliminata la svolta, mettendo ordine ad uno spazio urbano un po’ disordinato così da coronare la bella via Domenichino, proseguimento (o anticipazione) della via Lorenzo di Credi, alla quale abbiamo dedicato tempo fa un articolo.

2017-02-26_Via_Lorenzo-di-Credi_3

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Fiera-Molinazzo – Un’aiuola al posto della svolta

  1. Anonimo

    Che facciano la stessa cosa ad angolo Viale Corsica e Battistotti Sassi!!

    Prima passava il tram adesso ci parcheggiano le macchine!!

  2. Nicola

    Dovrebbero essercene di più di interventi simili, in modo da eliminare sempre più parcheggi in superficie. Bisogna proprio rendere impossibile la sosta selvaggia, proteggere i marciapiedi dall’inciviltà e restituendo verde possibilmente ben curato, come mi sembra in questo caso.

  3. -Ale-

    Bene!
    Buon intervento, meno asfalto più verde.

    Però dire che sia un bel prato mi sempra eccessivo. E’ già spelacchiato in molti punti. Il clima di Milano non è l’ideale per i grossi prati (se li volessimo belli con nel Nord Europa) e poco si può fare. A me piacerebbero più alberi, siepi, fiori. Certo, poi si aprirebbe la questione manutenzione e il dilemma su quali siano le piante giuste…

    1. Anonimo

      Sul fatto che Milano non sia adatta ai grossi prati ho i miei dubbi, visto che viviamo all’asciutto solo grazie alle pompe che prosciugano la prima falda 24/7

      Come sempre, credo basterebbe aver voglia di fare le cose e tutta quest’acqua (che non è usabile per acqua potabile) potrebbe essere usata per far più bella la città.

  4. GArBa

    ottima come sempre l’eliminazione della sosta selvaggia e la creazione di aiuole (se fossero ben tenute sarebbe pure meglio); sono un po’dubbioso però sull’aver tolto la possibilità di invertire la marcia senza impegnare la piazza, non vorrei che alla fine si creasse più traffico

    1. Antonio Maniscalco

      Sono d’accordo con te!
      Giustissimo eliminare la sosta selvaggio ma mi sembra stupido eliminare la possibilità di invertire la marcia, si poteva risolvere con dei dissuasori.

      Sono nato in piazza Brescia negli anni ’50 e ho vissuto nel quartiere per anni e non l’ho mai sentito chiamare quartiere Molinazzo!!!
      ma sempre San Siro/Fiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.