"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Precotto – Una casetta così nordica

2017-03-04_Precotto_Via_Pompeo_Bettini_02017-03-04_Precotto_Via_Pompeo_Bettini_1

Al bordo est di Precotto, a due passi da via Ponte Nuovo, al posto di una palazzina degli anni Sessanta alquanto anonima e rivestita in Klinker, è stato costruito un nuovo edificio che ci è parso interessante. Tra le anonime palazzine del quartiere  spicca questa candida realizzazione ancora in fase di completamento. Ci troviamo in via Pompeo Bettini, all’angolo con Via Francesco Zambrini. Non siamo riusciti a trovare notizie su chi sia l’architetto, ma il progetto ci piace. Dobbiamo dire che questo tipo di architettura non è comune da queste parti e, anzi, sembra più una casa di qualche paese del Nord Europa, come Svezia o Finlandia.

L’edificio, di soli tre piani fuori terra, ha una forma ad L che delimita un giardino interno più ‘intimo’. Di uno stile essenziale e minimalista, con pochi elementi: articolano il manufatto diversi volumi che terminano tutti con copertura a una o due falde e giacitura differente; a definire il tutto le facciate rivestite di listelli bianchi di materiale ceramico che richiamano gli assiti di legno frutto di una cultura architettonica, appunto, più nordica. Torneremo a lavori ultimati.

Il progettista è lo studio UNO-A Architetti Associati (http://www.uno-a.it/it/i-progetti/villa-c).

 

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


7 thoughts on “Milano | Precotto – Una casetta così nordica

  1. alberto tadini

    La mia è solo una prima impressione: non male. un solo appunto: con le finestre così piccole io mi sentirei soffocare.
    Aria! Luce!

  2. -Ale-

    A me piace!
    Sebbene l’architettura sembra quella scandinava, mi stupiscono per le finestre così piccole.

    Sarebbe bello avere immagini degli interni.

  3. robertoq

    A me ricordano i tetti della Viridiana di 50 anni fa recladdati con piastrelle bianche/grigie.
    Principale differenza: Vico Magistretti e Caccia Dominioni avevan disegnato finestre ben più grandi e gradevoli 🙂

  4. albertovic

    bah non direi nordica, se non perle linee e la modernità. le case nordiche tipicamente hanno finestre enormi. Comunque bella! per lo meno diversa dal solito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.