"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Lambrate – Via Rodano, aggiornamento marzo

Via Rodano e via Predil sono due vie che costeggiano la massicciata della ferrovia a Lambrate e uniscono Via Rombon con Viale delle Rimembranze di Lambrate. Ancora qualche ritocco e forse ci siamo con la fine dei lavori per la riqualificazione, o forse meglio, la realizzazione di via Rodano, visto che fino a quindicina fa non esisteva o quasi.

Qui la storia della via.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


5 thoughts on “Milano | Lambrate – Via Rodano, aggiornamento marzo

  1. Anonimo

    Tempi biblici. Impossibile impiegarci anni a fare pochi metri di strada!
    Che almeno si sveglino ad aprire e sbaraccare tutto prima del Salone del Mobile che in zona Lambrate sarà meta di moltissimi turisti.

    Segnalo poi lo stato pietoso dove partono i bus da Piazza Monte Titano, il Comune non può almeno sistemare le buche che sono ormai voragini? In questa città la manutenzione è davvero carente

  2. bis bald

    bellissimo intervento, basic ma che restituisce una parte civile , tolta al degrado assoluto. ottimo
    PS ci vorrebbe un po di quel catrame rosso anche nella pista ciclabile lasciata a se stessa all altra parte di milano in via Caprilli, quella che porta a san siro ;=) ciao

  3. Marco

    Io (premesso che sono sempre contro il mezzo privato) ne avrei approfittato per creare parcheggi a spina di pesce (ce ne starebbero il doppio) e riorganizzato il parcheggio pulmann e auto (ammassati alla rinfusa), mettendo anche alberi a divisione. Una cosa simile a quanto fatto fuori dalla stazione di Segrate.
    Così continua a non esserci il Kiss and Ride e ho la vaga impressione che quella ciclabile verrà invasa da auto.

  4. Enrico

    Non si capisce per quale motivo hanno finito i lavori da mesi ma è tutto recintato così non è possibile usufruire dei parcheggi, del marciapiede, della pista ciclabile, non si può attraversare la strada… Forse qualcuno non sta pagando i lavori? senza parole… e ci sono delle recinzioni pericoloso perchè i pedoni passano attraverso andando in stazione a piedi e rischiano di farsi male con il filo di ferro ad altezza del collo che di sera non si vede…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.