"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Isola – Quei cartelli sulla Regione

Quei cartelli o grandi adesivi spalmati su ben 8 piani della torre del Palazzo Lombardia (realizzato nel 2010, Pei Cobb Freed & Partners, Caputo Partnership, SDPartners) non sono un po’ brutti e dozzinali?

Vennero applicati alla facciata del grattacielo di 161 metri nel 2015 per Expo e ancora la grande scritta “Lombardy feeding the future, now” e “Regione Lombardia” campeggiano su entrambe le fronti.

Anzitutto, a Expo terminata, forse sarebbe il caso di togliere la grande scritta che richiama l’attenzione sul nutrire il futuro; inoltre perché mantenere una scritta in inglese?

Poi, trovare un’insegna più consona ad un palazzo istituzionale come questo non sarebbe il caso? Una scritta adesiva come questa ci pare davvero poco elegante.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


11 thoughts on “Milano | Isola – Quei cartelli sulla Regione

  1. mah

    Ma se non sbaglio durante Expo i cartelloni erano diversi. Al posto della scritta “regione Lombardia”, c’era una mega scritta EXPO (visibile sia da google streetview sia dalla pagina di wikipedia).

    Comunque io toglierei solo il cartellone grande, l’altro lo lascerei. In ogni caso penso che siano di facile sostituzione (oltre che soggetti a rapido degradamento).

  2. -Ale-

    Sebbene CM possa avere ragione, qui su UF si parla di urbanistica e architettura, quindi divertiamoci a discutere di questo.

    Durante Expo anche io ricordo un cartellone differente, quindi quello che c’è ora sembra proprio voluto, non è una dimenticanza.

    A me piacerebbe un’insegna tipo quella in cima alla torre Unicredit. Una vera insegna, elegante e definitiva. Concordo con UF che il cartellone adesivo non è consono, fa molto intervento provinciale.

    Il cartello lo capisco per periodi previ ed eventi specifici, eccezionali, non può essere definitivo!!!!

      1. luca

        Perché ha casa tua non ci stanno più clandestini e vuoi appiopparli all interno del palazzo lombarda, bagni sempre tu gli alimenti?

          1. luca

            lingua italiana ? quella impostata dal ladro di cavalli garibaldi ?
            Certo altro che problemi !!

      2. Alberto

        Sciacquati la bocca quando parli di Maroni, il miglior Ministro dell’Interno che la Repubblica Italiana abbia mai avuto, soprattutto nella lotta alle mafie. I numeri che si sono registrati sotto il suo mandato, in fatto di arresti di mafiosi e latitanti nonché di beni sequestrati, non hanno minimamente paragone né prima né, purtroppo, negli anni a seguire.

        1. Anonimo

          “sciacquati la bocca” è una espressione talmente da sud Italia che fa veramente ridere in un forum di architettura di Milano!

          Così come fan ridere e son del tutto fuori luogo le battute politiche, sia questa su Maroni che quelle da fanboy di questa o quella corrente del PD (tipo chi ha incominciato in questo post…)

          Lasciare stare almeno su UB?

  3. Andrea

    Qualche giorno fa passando da quelle parti ho notato anche io quegli orrendi adesivi giganti. Bisognerebbe trovare un’alternativa più semplice e meno invasiva (come l’insegna Unicredit in Gae Aulenti per esempio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.