"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Lazzaretto – San Carlino, aggiornamento fine Marzo

Prosegue lo spacchettamento della chiesetta cinquecentesca di San Carlo al Lazzaretto, in Largo fra Paolo Bellintani. Circa un anno fa iniziarono col restauro dell’antica chiesuola un tempo posta al centro del complesso del Lazzaretto e oggi al centro di una piccola piazzetta recentemente sistemata e pedonalizzata. Peccato che le aiuole siano state realizzate a raso e che siano stati utilizzati i lapilli per coprire il terreno tra una pianta e l’altra, così questo si ritrova sparso ovunque sulla pavimentazione. Bastava mettere un piccolo cordolo di contenimento con un lamierino di ferro, come per esempio fatto nelle aiuole della poco distante piazza Oberdan

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


5 thoughts on “Milano | Lazzaretto – San Carlino, aggiornamento fine Marzo

  1. Marco

    Restauro sobrio e adatto al contesto. Sono curioso di vedere dentro.. visto che e’ stato restaurato come sala da concerti!

  2. Paolo

    forse l’unica cosa che avrebbero potuto fare e’ sostituire i muri con delle lastre di vetro. purtroppo il restauro super conservatore e’ stato compito della curia

    1. Anonimo

      Ho dei dubbi che la Soprintendenza abbia perso l’occasione di mettere il becco nel restauro e si sa che la Soprintendenza adora tutte le sfumature del beige (specie se pallido) del bianco e soprattutto del grigio.

      I colori prima del restauro eran più decisi, ma onestamente forse era solo lo sporco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.