"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Darsena – Tre nuovi chioschi al porto

Anche prima dell’estate potrebbero comparire sulle sponde della Darsena, i tre nuovi chioschi approvati dalla Commissione del Paesaggio del Comune. Saranno due sulla sponda D’Annunzio (uno bar e uno souvenir) e uno sulla sponda Gorizia (bar).

Per carità, ben vengano altre attività che rendano vivi anche punti dislocati dal centro della “movida”, ma a noi il fatto che due di questi chioschi saranno posizionati sul piccolo praticello lato viale D’Annunzio non piace molto (sempre che sia così, come da rendering diffusi).

I progetti approvati dagli uffici prevedono piccole strutture di legno chiaro e pannelli scuri (così annunciato) per i locali autorizzati a vendere cibo e anche alcolici. Comunque sia invaderanno il poco verde allestito nella Darsena dopo la sua riqualificazione di tre anni fa e questo ci pare un po’ azzardato.

Qui le ultime regole studiate e approvate dalla giunta.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


9 thoughts on “Milano | Darsena – Tre nuovi chioschi al porto

  1. robertoq

    A me sembra assurdo, visto che la zona pullula di locali mentre il prato era già piccolo e striminzito prima.

    Però spero che possa aprire la via a mettere un paio di chioschi al Parco ex-Sietoterapico, che adesso è un brullo campo di patate dove non va mai nessuno (non c’è assolutamente nulla….) ed invece andrebbe reso vitale e vivace perché merita – e anche per rendere un po’ più policentrica la zona Navigli.

    1. CM

      condivido.
      Basterebbe installarli 50m più in là, sulla pavimentazione dove non sarebbe nemmeno necessaria la realizzazione del basamento…..

  2. wf

    A vederla così mi sembra che debbano rientrare dei costi di gestione della darsena…
    Anche la piattaforma galleggiante mi sembra rientrare nel,piano..

    1. robertoq

      Probabilmente hai ragione, ma coi forse 20/30K € all’anno che tiri fuori dalla concessione di un chiosco non credo il Comune ci vada molto lontano… (lasciando stare noiosissimi barbosi discorsi sul fatto che le tasse locali servono appunto per godersi un prato e non un chiosco in Darsena ecc ecc )

      1. wf

        Sono d’accordo con voi robbè,
        Facevo solo questa notazione perché è l’unico modo per spiegare i chioschi sull’erba.
        La,quale non è mai abbastanza.

  3. Mattb1

    Non riesco a capire nei due renderanno sono diversi tra loro… in quello ravvicinato è una rivisitazione moderna mentre in quello lontano sono in stile tipo l edicola Radetzky e messe a rombo….

  4. Cadian4

    A proposito di locali sulla darsena vorrei segnalare il ti ci porto che al sabato privatizza parte dela passerella del mercato col suo dehors ed impedendone la fruizione da parte di cittadini e turisti in quanto blocca completamente il passaggio con tanto di transenne e buttafuori..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.