"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Varesine – Ci siamo, ora non si scherza più!

In Viale della Liberazione sono in corso da qualche settimana i lavori per sistemare le cesate di cantiere che delimiteranno, per più di un anno circa, i lavori per il parco Biblioteca degli Alberi. Infatti anche quest’area, che va da via Galileo Galilei a via Melchiorre Gioia è sottoposta ad una totale riqualificazione legata al progetto della Biblioteca degli alberi. Finalmente, dopo tanti anni d’attesa è giunta l’ora di concludere questo grande progetto che fa parte del complesso formato da Porta Nuova-Porta Garibaldi-Varesine. Naturalmente verrà anche completata la ciclabile che al momento era interrotta a metà del viale.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Varesine – Ci siamo, ora non si scherza più!

  1. Fabrizio

    Tutto molto bello ed apprezzabile..
    Ma a cosa servirà tutto questo investimento se poi la cura del verde sarà lasciata allo sbando come nel resto della città??

    Vedi via Mac Mahon: due anni per rifare la sede tranviaria con posa di zolle erbose stile prato all’inglese (con tanto di sistema di irrigazione). Dopo un anno tutto lasciato allo stato brado..

    1. GArBa

      Capita quando si butta il denaro per salvare delle piante che erano state definite insalvabili dagli agronomi, e che infatti in meno di un anno sono venute giù ai primi venti. Ciò ha comportato su mac mahon interventi un attimo più urgenti che rasare il prato. E fortunatamente non c’entra nulla con quello di cui si parla in questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.