"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Montalbino – Marche-Murat, non ci starebbe bene un’aiuola?

2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_0A 2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_0B

L’incrocio tra via Murat e viale Marche è molto largo, tanto da avere al centro una grande “isola-marciapiede” di parecchi metri quadrati. Ogni volta che la vediamo ci domandiamo perché il Comune non abbia mai pensato a realizzarvi un’aiuola magari con un grosso platano al centro. Noi ci abbiamo provato e il risultato è nell’immagine appena sopra. Perché lasciare tutto quel catrame?

2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_1 2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_2 2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_3 2017-01-28_Montalbino_Murat_Marche_4

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Montalbino – Marche-Murat, non ci starebbe bene un’aiuola?

  1. ...

    Proprio non capisco cosa freni i nostri amministratori dal piantare verde in aree come questa che ben si addicono ad ospitar alberi rendendo la città più vivibile.

    Detto questo, gli alberi in via Larga quando saranno piantati ? Non se ne sente più parlare. Qualcuno sa se il progetto sta andando avanti ?

    1. Wf

      Aspetta.
      Su via larga c’è in ballo la, riapertura del nuovo teatro lirico.
      Slittata a marzo 2018 sembra.

      Secondo le leggi di mercato se prima non si crea una domanda non si genera neanche l’offerta. Per terraformare questa zona bisogna prima farci arrivare gente. Un teatro potrebbe essere l’opportunità mancante.

      Allora la,domanda di bello e di riqualificazione potrebbe rinascere più insistente per rifare tutti i marciapiedi troppo esigui di via larga, e mettere alberi.

      Portare una nuova funzione in una zona depressa desertificata per far nascere domanda di riqualificazione.

      1. robertoq

        In effetti e’ un po’ deprimente che la riqualificazione di Via Larga (e Santo stefano?!) abbia una priorita’ cosi’ bassa, temo che il problema e’ che non ci sono fondi di investimento, sceicchi o emiri che si son comprati palazzoni in zona (ma solo univerita’ e ospedali e uffici comunali…) 🙂

        Ps il Lirico potrebbe riaprire anche dopo il 18 peeche’ l’ennesimo bando scritto male ha fatto si che il secondo arrivato facesse ricorso (e forse non ha neanche torto…)

        1. Wf

          Io temo che i fondi sono finiti un po per tutti gli interventi,
          E quindi non disdegnerei forme di sponsorizzazione o altro.
          Speriamo non slitti troppo.

  2. Anonimo

    Avete ragione…si limiteranno a piantare una decina di alberi in qualche campo adiacente la tangeziale per poi mostrarci una statistica indicante un saldo positivo degli alberi piantati durante la loro legislatura.

  3. Grilli Giulia

    La verità è che l’amministrazione Sala è totalmente indifferente alla questione perfiferie.
    Ha raccontato le solite favole per promuovere la sua candidatura e basta

  4. raffaele

    Io abito in Viale Marche, è un disastro, ben documentato da un vostro servizio di alcuni anni fa. Ho scritto al comune più volte per chiedere una spiegazione ad un così totale abbandono, sia con la Moratti che con Pisapia sindaci. Le risposte sono state così surreali (e sostanzialmente identiche) da far cadere le braccia, hanno decapitato ogni speranza! Quindi la risposta giusta purtroppo è quella di Davide. MAI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.