"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Cristoforo – Aggiornamento da Piazzale Negrelli maggio

Altro aggiornamento di metà maggio del cantiere di piazzale Negrelli. Oramai manca ancora poco alla conclusione dei lavori (peccato non sia stata pensata una nuova cabina -sanitaria- per i tranvieri, ma ci sia ancora quel brutto cabino, così come quello strano pannello solare così poco estetico).

Una nota a parte la riserviamo alla nuova banchina per lo stop finale del tram, realizzata a lato del Naviglio Grande. Non riusciamo a capire perché sia astata realizzata e perché abbia quest’aspetto “temporaneo”, realizzata in semplice gettata di cemento, senza cordoli e “appoggiata” all’asfalto ancora sottostante.

Il resto della piazza attende solo la posa degli ultimi dettagli, come le piastrelle in autobloccanti impilati ancora sui lati delle aiuole. Aiuole che sembrano molto belle.

Queste le ultime immagini della posa delle piastrelle lungo i percorsi pedonali.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | San Cristoforo – Aggiornamento da Piazzale Negrelli maggio

  1. Mattb1

    Spero che risistemino anche i marciapiedi (sarebbe bello con gli stessi autobloccanti ma chiederei troppo mi sa) almeno però riasfaltarli e rimettere apposto i cordoli disconnessi.

  2. roberto

    la realizzazione della fermata finale era ovvia, non potendo più scaricare appena immessi nel rondò. Discutibile il modo in cui è stata realizzata.
    Da vedere invece la fermata di sosta al capolinea, soppressa immagino per l’utilizzo da qualche settimana di alcuni tram serie 4900 che hanno il difetto in curva di sporgere troppo finendo con la parte anteriore sul marciapiede. Non credo riescano a mantenere la fermata di sosta con carico passeggeri (come previsto dal progetto) a meno che quei tram da poco istituiti, sono provvisori.

    1. Anonimo

      Certo che se ci son problemi di ingombro con la serie 4900 che ha 40 anni, non oso pensare cosa succederebbe con i Sirietti che sono ancora più ingombranti.

      Meno male che fra qualche anno sbaraccano tutto e spostano il capolinea in corrispondenza di MM4 e S9, un po’ di isolati più avanti (meno di un chilometro)

      In ogni caso, un bel lavoro pensato bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.