"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano – Porta Vigentina – Riqualificata Via Palladio

Parterre alberati più larghi e verdi, marciapiedi riordinati e più fruibili per i cittadini. Ha cambiato aspetto via Andrea Palladio via che unisce piazza Trento con via Giulio Romano, all’altezza di via Ripamonti) grazie all’intervento di riqualificazione realizzato lungo tutta la strada. In particolare, è stata leggermente ristretta la carreggiata stradale in entrambi i lati per consentire l’allargamento del parterre alberato e garantire così una maggior superficie drenante alle radici delle alberature. Il cordone attorno alle aree verdi, inoltre, è stato riposizionato ad una distanza maggiore dalle piante per consentire anche l’inserimento di un piccolo marciapiede al lato dei parcheggi, utile a una più agevole discesa dei passeggeri dalle automobili.

 

 

Di seguito alcune immagini di come era in precedenza via palladio

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano – Porta Vigentina – Riqualificata Via Palladio

  1. Wf

    Politecnico di Milano la migliore università in Italia, il rettore: “Ora la politica ci aiuti per vincere all’estero”Politecnico di Milano la migliore università in Italia, il rettore: “Ora la politica ci aiuti per vincere all’estero”

    penalizzati anche sull’internazionalizzazione. È curioso, visto che avete circa il 30 per cento di iscritti che provengono dall’estero.
    “Nella classifica dell’internazionalizzazione siamo ancora oltre la 300esima posizione, tuttavia è anche con gli sforzi in questa direzione che siamo riusciti a salire in classifica. Anche in questo caso molto dipende dal contesto internazionale che si riesce a creare. Servono città accoglienti, spazi studi adeguati, residenze, impianti sportivi”.

    Tutte queste voci pesano sulla valutazione Qs?
    “Oggi lo studente che sceglie le università nel mondo lo fa anche sulla base di questi servizi e questo è un elemento che pesa su quanto si è attrattivi nei confronti degli studenti che vengono da fuori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.