"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Corso Como 15, primi spacchettamenti

Ecco Corso Como 15! Dopo circa dieci mesi di lavori, il cubotto per uffici di nove piani di corso Como è stato quasi completamente riqualificato e ha anche un nuovo aspetto, più moderno e sicuramente più bello. L’intervento di riqualifica è stato voluto dall’immobiliare Colliers.

Era un edificio costruito tra il 1970 e il 1975 con una linea abbastanza pesante, realizzato con materiali prefabbricati. Come molti altri edifici della zona, ha seguito l’onda di rinnovo  seguita al cambiamento avvenuto dopo la costruzione dei complessi edili del più ampio progetto di Porta Nuova, flusso che sta colpendo oramai tutti i palazzi della zona.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – Corso Como 15, primi spacchettamenti

  1. Fabio

    La cosa più importante del progetto porta nuova è che oltre a essere bellissimo di suo, ha avuto un effetto domino su tutta l’area. Finalmente tantissimi palazzi stanno venendo riqualificati o abbelliti. Avanti così!

  2. Anonimo

    Non è un intervento da Colliers, ma dal Fondo Antirion per EMPAM.
    I progettisti e DL sono Lombardini22 SpA, arch. Marco Amosso

  3. Nicola

    Motorini, decine di motorini, moto e scooter parcheggiati sui marciapiedi, gratis, ovunque, 365 giorni l’anno. Non è giusto, non dovrebbero occupare lo spazio dei pedoni, che occupino almeno gli spazi delle auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.