"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Adriano – Finalmente si recupera lo stabile abbandonato

Firmata la convenzione con Proges per il recupero della struttura abbandonata: posti letto a disposizione del Comune e alloggi per anziani e giovani coppie. Maran: “Nuovo tassello per la riqualificazione di un quartiere al centro del piano periferie”

Partiranno in autunno e si concluderanno all’inizio del 2019 i lavori per il recupero della struttura abbandonata della RSA di via Adriano. Il Comune ha infatti firmato la convenzione con Proges, l’operatore che, a seguito di gara da parte del curatore fallimentare, completerà l’intervento realizzando un centro polivalente per il quartiere. All’interno della struttura saranno realizzati una Residenza Sanitaria per Anziani con nucleo specializzato per i malati Alzheimer, un centro diurno per anziani, alloggi protetti per anziani, persone con disabilità e giovani coppie, ambulatori medici, una caffetteria, uffici e spazi espositivi che si affacceranno su un’area verde.

“Finalmente una struttura abbandonata, più volte oggetto di occupazioni abusive, verrà trasformata in un centro di servizi utili per molti cittadini – sottolinea l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Questo intervento rappresenta un tassello importante per la riqualificazione del quartiere che, grazie a importanti risorse stanziate dal Comune e dal Governo, nei prossimi anni vedrà la conclusione del parco, il prolungamento del tram 7 e la realizzazione di una scuola. Un impegno che si inserisce nel piano a sostegno delle periferie, per cui l’Amministrazione in questo mandato investirà 300 milioni di euro”.

La convenzione con Proges prevede che all’interno del nuovo centro siano messi a disposizione del Comune 20 posti letto, 15 dei quali per la R.S.A. e i restanti 5 nel Centro diurno integrato con retta agevolata (ridotta del 15%). La retta giornaliera di listino media è stata fissata per la R.S.A. (camera doppia) in 95 euro e per il Centro diurno in 50 euro, entrambe tariffe inferiori rispetto a quelle applicate in strutture simili presenti in città. In caso di stipula di convenzioni con ATS Regione Lombardia, le rette per i posti convenzionati verranno fissate in 72 euro per la R.S.A e in 30 euro per il Centro diurno.

Proges si impegna inoltre a realizzare e gestire 36 alloggi (18 bilocali e 18 trilocali) che saranno assegnati prioritariamente ad anziani e persone con disabilità autosufficienti secondo un progetto di “Autonomia Assistita”, in particolare ai residenti nel Municipio 2. Le abitazioni potranno essere assegnate mediante avvisi pubblici anche a studenti e giovani coppie alle condizioni che verranno successivamente concordate con l’Amministrazione.

Di concerto con la competente ATS, Proges realizzerà anche una Casa Medica composta di ambulatori destinati ai Medici di Medicina Generale e Ambulatori per Medici Specialisti: questi collocati al piano terra, lato via Tremelloni, e avranno accesso indipendente e separato da quello della R.S.A. La casa medica dovrà applicare tariffe agevolate ai residenti nel Comune di Milano, in particolare a quelli residenti nel Municipio 2. Sarà sviluppato anche un progetto sperimentale di servizio sul modello dei “Country Hospital”, altrimenti detti “Ospedali di Comunità”, con una dozzina di posti letto. Infine nascerà un Auditorium, che sarà messo a disposizione gratuitamente per 20 giorni l’anno dell’Amministrazione comunale e del Municipio 2.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.