"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Le statue dimenticate: Giuseppe Dezza

All’incrocio fra via Marina e via Palestro si trova, quasi a presidiare con aspetto marziale ritto sul suo piedistallo la statua in bronzo del Generale Giuseppe Dezza.

L’uomo d’armi volge lo sguardo in lontananza mentre appoggia la mano sinistra sull’elsa della sciabola. Ai latti del piedistallo si trovano due bassorilievi in bronzo, raccordati da una fascia decorativa dello stesso metallo con gli stemmi di Milano e della Sicilia, che illustrano episodi dell’epopea garibaldina: a destra, con la scritta Palermo, l’ingresso delle camicie rosse in quella città il 27 maggio 1860 guidati da una figura femminile che rappresenta l’Italia; a sinistra, l’incontro di Garibaldi con Dezza, entrambi a cavallo, dopo la vittoria del 1 ottobre a Maddaloni.

La statua fu commissionata nel 1898 allo scultore Enrico Cassi, allievo prediletto del Barzaghi, lo stesso anno della morte del generale; fu pagata con una sottoscrizione pubblica ed eretta nel 1902.

Ed ecco, dopo cent’anni come è mantenuta questa scultura. La ringhiera di perimetro malconcia e l’aiuola completamente abbandonata. Erbacce si sono create il loro spazio al posto di una vera aiuola come si deve.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.