"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – A settembre l’era nuova dell’Anteo spazio Cinema

Cinema_Anteo

 

Chiuso l’Apollo gennaio scorso, in piazza Liberty, che faceva parte del gruppo Anteo, ecco che il cinema madre, quello di via Milazzo a Porta Garibaldi, sta per incominciare una nuova vita. Come avevamo visto nel luglio scorso c’era stato l’annuncio del cambiamento per la storica sala cinematografica che presentava pellicole di qualità artistica, infatti lo Spazio Anteo si è allargato e si è impossessato del vecchio edificio d’epoca, l’ex Casa del Fascio del gruppo rionale “D’Annunzio”per trasformarlo in un unico spazio culturale e non solo.

Così a settembre aprirà il Palazzo del Cinema, la palazzina utilizzata come uffici e scuola fino a qualche anno fa, sarà un nuovo centro culturale e del divertimento.

Al suo interno troveranno spazio undici sale, l’attuale da 400 posti resterà la più grande (chiusa dal primo agosto per rinnovo): le poltrone complessive passeranno da 700 a 1.250, gli spettatori attesi dagli attuali 300 mila all’anno a 500/600 mila. L’accesso sarà quello della ex scuola media Manzoni all’angolo tra via Milazzo e Piazza XXV Aprile. L’atrio del nuovo cinema, che si svilupperà in una hall su tre piani, avrà al piano inferiore il caffè letterario gestito da Eataly. Anche la biglietteria sarà diffusa, si potrà acquistare il ticket al caffè letterario come al ristorante. Contratto d’affitto stipulato con il Comune, proprietario dello stabile, per 28 anni, con un canone di 180 mila euro anno per cinquemila metri quadrati, che Anteo sta ristrutturando con un investimento di 4 milioni di euro.

Il Palazzo del Cinema sarà aperto dalle 10 di mattina all’una di notte, sia le sale cinematografiche che tutti i servizi, dal ristorante alla libreria. Al suo interno troveranno posto un ristorante che permetterà di cenare o pranzare guardando un film grazie ad Eataly. Anche il caffè letterario, che nasce dalla fusione tra la libreria e il bar attuali, sarà gestito dal dirimpettaio dello “slow-food”. Ci sarà anche un’Osteria del Cinema e una birreria di 70 posti con giardino.
L’Anteo era stato ricavato all’interno dello stabile del gruppo rionale fascista Gabriele D’Annunzio e inizia la propria attività negli ultimi mesi del 1939 col nome di cinema d’Annunzio. Si trattava di una sala di seconda visione.

Nel 1945 la sala cambia nome e diventa cinema Anteo (900 posti).

A partire dal settembre 1970 l’Anteo, seguendo l’esempio di Orchidea e Rubino, altri due cinema storici, aderisce al circuito delle sale d’essai e compare sui quotidiani come Anteo cinema d’essai. Sono le prime sale di terza visione che fanno questa coraggiosa “scelta di campo”. I loro proprietari intuiscono lo spirito culturale degli anni settanta e precorrono i tempi.
Da questo momento la programmazione è all’insegna del cinema d’autore e non mancano gli arditi ripescaggi di film muti di Chaplin e di Eisenstein. Inoltre, saltuariamente, la sala ospita qualche prima visione come nel caso di Ice (Robert Kramer, 1970) nel settembre 1972 e di Per salire più in basso (Ritt, 1970) nell’ottobre 1972.
Dal gennaio 1984 fino a tutto il 1989 l’Anteo aggiunge alla sala classica (divenuta Anteo 1) una saletta video (Anteo 2) che offre documentari, interviste, film rari e curiosità.
A partire dall’estate 1991 l’Anteo entra ufficialmente a far parte del circuito di prima visione dopo avere ospitato numerose prime proiezioni di film d’autore negli anni ottanta.
Dopo impegnativi lavori di ristrutturazione (ma la sala principale ha continuato a funzionare quasi ininterrottamente) il nuovo Anteo spazioCinema, dotato di tre sale (Sala Quattrocento – Sala Duecento – Sala Cento, i titoli indicano il numero dei posti a sedere) riapre il 10 settembre 1997Il 15 dicembre 2009 si aggiunge anche la Sala Cinquanta, portando il cinema ad avere 4 sale cinematografiche. (info da giusepperausa.it) Da Giovedì 7 settembre le sale saranno di più e il tutto avrà un nuovo aspetto. Naturalmente all’antro andrà aggiunta anche il nuovo spazio multisala in costruzione a Tre Torri.
 
Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


12 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – A settembre l’era nuova dell’Anteo spazio Cinema

  1. Wf

    Bellissimo progetto finalmente avremo un luogo di livello da capitale europea.

    Bisognerebbe farne altri di progetti così.
    Cultura e tempo libero.
    E cibo

    Ottimo mix internazionale.

  2. Corrado

    180.000 euro all’anno per 5000 m2 in zona semicentrale? Ma sono noccioline! Sono soltanto 3 euro al m2 al mese !!!
    Per un bilocale in periferia io affitto a 12 euro m2 al mese !!!

    Questa è un’autentica regalia.

    Poi dopo non stupiamoci che le casse pubbliche siano sempre vuote. Ma chi diavolo ha stipulato questo contratto?

    1. Anonimo

      In effetti sembra molto anomalo come prezzo, anche considerate le spese di ristrutturazione (4milioni che – a parte che son poi deducibili – son 140.000euro quando spalmate sulla durata del contatto).

      In ogni caso lo stabile doveva essere in ottime condizioni visto che il Comune spende 1.3 milioni per ristrutturare un buco come l’Orchidea…

      Ho idea che abbiano ottimi agganci: lunga vita ai VERI cinema indipendenti di Milano!!

    2. The doctor is: IN

      Forse qualcuno che vuole promuovere la cultura, per esempio???

      A differenza – per non fare nomi – della Regione Lombardia che ha affittato a prezzi di favore agli amici degli amici (anzi, alle amanti degli amanti, a quel che si dice) i preziosi spazi sotto Palazzo Lombardia per farci dei negozietti di prontomoda per sciure e abbigliamento per skaters……………….

      per non parlare degli usi della piazza coperta che spaziano dalle selezioni di X factor al festival della birra………….

  3. Wf

    Prima rompevatemi co@£¥@ni col pianto greco dellapple store e tutte le menate sulla morte del cinema.
    Adesso che riapre con un bellissimo progetto e e fracasso di sale, libreria, ristoranti, etc non vi va bene lo stesso.
    Vi chiamate “mai na gioia” per caso?

  4. Daniele

    Si concordo ottima iniziativa, gli spazi culturali poi devono essere agevolati come succede a Barcelona, Parigi e nelle citta’ lungimiranti.
    Dopo decenni di chiusure (vedi Smeraldo giusto a fianco) abbiamo bisogno di linfa culturale.

    1. Anonimo

      Giustissimo.
      L’unica cosa che lascia perplessi è questa specie di monopolio Anteo, ma evidentemente gli altri gestori di cinema indipendenti a Milano e tutti gli altri operatori nel settore non sono in grado di creare spazi culturali dedicati al cinema (come a Parigi e Barcellona).

      Nella speranza che la ragione del monopolio non sia ben rappresentata dal legame con Eataly, ci godremo questo nuovo spazio (e quello in arrivo a Citylife) che sicuramente saran meravigliosi!

  5. papoff

    chiedo a urbanfile: potreste farmi promotori della richiesta di allargare il passaggio pedonale tra piazza XXV aprile e corso garibaldi.
    è pazzesco che non ci sia spazio per 2 passeggini…che poi quello spartitraffico è assolutamente inutile

    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.