"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Dergano – Quei silos dell’acquedotto in piazza Maciachini

All’inizio del 2000 una disposizione della Comunità Europea ha messo alle strette chi gestisce l’acqua potabile di Milano che ha dovuto correre ai ripari realizzando in fretta e furia dei filtri per l’acqua potabile sparsi per la città per non rischiare di dover chiudere i rubinetti ad oltre un milione di cittadini.

Possibilità scongiurata per un pelo, ma dopo 17 anni in giro per la città ci troviamo ancora con questi “misteriosi” silos. I più ingombranti e visibili sono quelli di piazzale Maciachini, dove troneggiano al centro della piazza un po’ nascosti dal verde e decorati nel 2010 da un’istallazione col nome di “Life is laugh”, opera  dello street artist milanese Massimo Costantini.

Nel 2008, lungo viale Jenner vennero installati altri 4 grossi silos ad incrementare quelli già in funzione al centro della piazza.

Dopo quasi dieci anni ecco ancora presenti i silos e lo stato in cui convivono con il viale Jenner.

Finalmete a breve la situazione di questi ingombranti silos avrà una soluzione definitiva.

Infatti c’è una procedura aperta per l’affidamento in appalto dei lavori di realizzazione di filtri a carbone attivo presso la Centrale Comasina (che è questa di Piazzale Maciachini). L’intervento, che prevede l’interramento dei filtri in questione, è in fase di gara. Le offerte sono state presentate il 7 giugno scorso. E’ stata nominata dal Comune la commissione giudicatrice e entro settembre al massimo ottobre, il Comune dovrebbe aggiudicare i lavori che potranno iniziare nell’inverno 2018.

I lavori avranno una durata di circa 1 anno e, quindi, una volta realizzati i nuovi impianti di trattamento interrati in piazza Maciachini, potranno essere rimossi quelli esistenti in viale Jenner (indicativamente fine 2018 / inizio 2019).

Di seguito due immagini dello stabile del vecchio acquedotto dell’Acqua Potabile che si trova in Via Luigi Federico Menabrea 28 e che risale agli anni Venti del ‘900.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Dergano – Quei silos dell’acquedotto in piazza Maciachini

  1. Mattb1

    Per i silos decorati per me sarebbe una perdità, potrebbero essere lasciati come decozioni di un giardino sempre nel quartiere… per il resto spero che rivalutino anche la centrale che è un esempio interessante di liberty applicato ad edifici industriali

    1. Piero

      Secondo me di murales, graffiti, pitture, installazioni colorate e allucinate ne abbiamo abbastanza in giro per Milano e queste me le perdo volentieri (della serie “magari a qualcuno piacciono” ma il troppo storpia) 🙂

  2. stefano volpi

    onestamente quelle decorazioni non fanno gridare al miracolo. anzi visto che già la piazza non è bellissima se quei boiler giganti dovessero sparire sarebbe una gran bella cosa. se poi il giardino ritornasse ad essere un luogo di svago per i bambini come quando ci andavo io da piccolo non sarebbe male, tenuto conto che di fronte c’è una scuola elementare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.