"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tertulliano – Il sottopasso recuperato

Il sottopasso della ferrovia di via Tertulliano è stato completamente ripulito e oggi sono iniziati i lavori per chiuderlo definitivamente.

Dopo un sopralluogo della Polizia Locale e dell’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza, insieme a cittadini residenti nell’area, è stato avviato oggi l’iter per la sua messa in sicurezza. Il sottopasso, colmo di rifiuti di ogni genere, era utilizzato come via di fuga per chi operava furti in viale Puglie e in via Tertulliano e come ricovero temporaneo per tossicodipendenti, come dimostrano le diverse siringhe trovate.

Questa mattina l’Unità Problemi del Territorio della Polizia Locale ha provveduto a fare un’ispezione della zona per permettere ad Amsa di pulire l’area in sicurezza e al Nuir, il Nucleo Intervento Rapido del Comune, di iniziare l’intervento.

I lavori prevedono la realizzazione di un muro dal lato di via Bonfadini e di un cancello dall’altra parte, per permettere l’accesso all’area a Ferrovie dello Stato. Per completare l’opera saranno necessari alcuni giorni.

“Abbiamo accolto l’appello dei cittadini – spiega l’assessore Rozza – che, nel corso di una visita nel loro quartiere per parlare dei problemi di sicurezza, ci hanno espresso le loro preoccupazioni per una zona che era terra di nessuno. Avevano ragione, il sottopasso era al servizio solo di chi voleva delinquere. Ringrazio Amsa, Nuir e Polizia Locale che si sono attivati prontamente per risolvere un problema che esisteva da anni”.

Di seguito un’immagine di come si presentava il sottopassaggio pedonale.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


6 thoughts on “Milano | Tertulliano – Il sottopasso recuperato

  1. Konrad

    La questione però è: visto che da anni si lamentava la situazione di degrado, ci sono volute le segnalazioni dei cittadini per risolvere la situazione?
    Mai nessuno degli organismi competenti si era accorto di nulla?
    Nemmeno la tempestiva polizia locale?
    No comment

  2. esse

    L’articolo non menziona CHI “risiede” dall’altro lato del sottopasso ed è presumibilmente responsabile di degrado, furti e accumulo di rifiuti.
    Basta dare un’occhiata in google maps per accorgersi di ciò che è stato tollerato in questa zona da sempre:

    https://www.google.it/maps/place/Milano+MI/@45.4457226,9.2335384,87a,35y,356.06h,50.26t/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x4786c1493f1275e7:0x3cffcd13c6740e8d!8m2!3d45.4642035!4d9.189982

    https://www.google.it/maps/@45.4464913,9.2340219,3a,75y,306.84h,80.38t/data=!3m6!1e1!3m4!1siwDMe7IaJtirDWR3ZURbqg!2e0!7i13312!8i6656

  3. GArBa

    più che altro… il sottopasso era reso del tutto inutile dall’eliminazione del vecchio passaggio a livello e dalla realizzazione del vicino ponte pedonale, quindi non si capisce perchè fosse ancora aperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.