"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | NoLo: a volte basta poco per prendersi cura della città

Il caldo torrido di questi giorni mette a dura prova la sopravvivenza del verde cittadino.

Così alcuni volontari si sono organizzati per annaffiare le piante di piazza Morbegno recentemente riqualificata.

E’ un gesto piccolo ma che – a nostro parere – rende l’idea di quanto i milanesi sentano la città come propria.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


12 thoughts on “Milano | NoLo: a volte basta poco per prendersi cura della città

  1. UMS

    Giusto! E fortunatamente (lontano dalle luci dei social network) succede molto più spesso di quanto si pensi, anche perchè con questo caldo le piante fanno veramente pena (i platani ad esempio stan già perdendo le foglie)

  2. Davide V.

    Se poi il comune facesse manutenzione ai pochi impianti di irrigazione presenti in città sarebbe ancora meglio. Passo ogni giorno da Piazza Novelli, piazza riqualificata pochi anni fa dopo la chiusura del cantiere infinito per i box sotteranei.

    La grande aiuola centrale è dotata di impianto di irrigazione, lo si vede dai tanti tombini verdi in plastica sparpagliati qua e la, peccato che sia perennemente fuori uso! Il prato sembra la savana africana e gli alberi più giovani hanno praticamente perso tutte le foglie e moriranno a breve.

    A chi si può segnalare? Qual’è l’ufficio competente?

  3. Anonimo

    …sinceramente darei l’obbligo a portieri dei palazzi ed esercenti di servizi commerciali di innaffiare il verde che si trova davanti alle proprie abitazioni e negozi.

  4. Nuovo Ordine Urbano

    Fossero furbi, ma soprattutto logici, in tutti i prossimi interventi di riqualificazione urbana, come gli ex scali ferroviari, anzichè creare parchi immensi che poi nemmeno riescono a curare, soprattutto d’estate, che il verde lo integrino al massimo all’interno dei recinti condominiali che così almeno il privato se ne occuperà degnamente invece di queste cose indegne. Comunque è inutile creare aiuole dovunque se poi nemmeno riesci a curarle.

    1. ...

      Ti sembra normale quello che dici ? Invece di proporre di includere il verde in aree condominiali non dovresti chiedere perché non sono capaci di curare il verde pubblico ?
      Sinceramente,come promesso da questa giunta in campagna elettorale, alla fine del loro mandato mi aspetto una città molto più verde e la capacità di curarlo. I soldi ci sono ( siamo o non siamo la capitale economica di questo paese ) si tratta solo di sapersi organizzare !

      1. Anonimo

        Si sogna… Ma se nemmeno innaffiano gli alberi appena piantati d’estate. “I soldi ci sono” si e infatti vanno tutti a roma. L’unico che è in grado di organizzarsi in Italia è il privato, quindi se si vuole del verde decoroso in città bisogna darne più possibile in gestione ai privati quindi i condomini, le società private che hanno gli ufffici dove c’è il verde, i supermercati, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.