"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Garibaldi – Cantiere Anteo spazio Cinema, aggiornamento

Come avevamo visto in un articolo recente, il Cinema Anteo si appresta a riaprire, dopo qualche mese di cantiere, il prossimo settembre. In questi giorni è cominciato lo “spacchettamento” dalle impalcature che hanno restaurato la facciata in pietra e mattonelle del palazzo costruito nei primi anni Trenta per il gruppo rionale fascista Gabriele D’Annunzio e il cinema inizia la propria attività negli ultimi mesi del 1939 col nome di cinema d’Annunzio. Il palazzo sarà trasformato in un nuovo centro culturale e del divertimento, con sale cinematografiche, sale lettura, ristorante e bar.

A settembre aprirà il Palazzo del Cinema e come si vede dalle immagini, sono anche in corso i lavori per sistemare e riqualificare anche il tratto di via Milazzo davanti al complesso cinematografico.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Porta Garibaldi – Cantiere Anteo spazio Cinema, aggiornamento

  1. -Ale-

    L’ho visto adl vivo.
    Il rifacimento con i sanpietrini di Via Milazzo sembra ben fatto, hanno portato allo stesso livello strada e marciapiedi.
    Ma non voglio pensare che i marciapiedi resteranno in catrame, spero sia solo una questione di tempo dei lavori… almeno dal lato del cinema!

  2. Riccardo Rocco

    Avremmo voluto uniformare le pavimentazioni ma il settore arredo urbano ha chiesto espressamente che restasse invariati seppur riportati ad un unico livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.