"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Moncucco – La fabbrica del “sapere” tre anni dopo

Inaugurato nel 2014, il Knowledge Transfer Centre dell’Università IULM, il futuristico e un po’ inquietante palazzo dallo sgargiante colore rosso venne creato come nuova ala al palazzo della Libera università di lingue e comunicazione IULM. 

 

Concepita dallo studio 5+1AA, come una macchina del sapere nello stile brutalista, dove elementi tecnici vengono esposti quasi a formare un motivo decorativo, come nella torre arancione che presenta in facciata una rampa continua di scale che ne caratterizzano i lati.

Al suo interno, un grande auditorium da 700 posti per usi flessibili (cinema, musica, conferenze) è evidenziato da una copertura rivestita di ceramica verde.

La torre originariamente doveva ospitare una biblioteca che però non è stata fatta ma nel core della torre sono rimaste le aule dedicate allo studio del design.

 

 

Come la torre ancora in realizzazione a Fondazione Prada, questa torre rossa, quasi un residuo industriale, è una icona di non facile assimilazione, sicuramente non piace a molti, ma lo scopo iconico è stato raggiunto, tanto da superare persino l’immagine del vecchio palazzo IULM costruito negli anni Novanta del XX Secolo.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


One thought on “Milano | Moncucco – La fabbrica del “sapere” tre anni dopo

  1. antonio

    A me sembra la proiezione in architettura della via ardua del sapere per arrivare alla conoscenza.
    Alla fine mi piace. Si discosta un po’ dal razionalismo Universitario. La fantasia al potere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.