"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Pasquirolo – La Galleria del Corso, ancora a pezzi

 

Niente, pare proprio che chi è proprietario di questo stabile (forse più proprietari) abbia molti problemi per mantenerlo e metterlo in sicurezza.

Era solo il febbraio dello scorso anno (2016) quando dei blocchi di cemento precipitarono, sfondando la copertura, sul pavimento della galleria del Corso, galleria che unisce Corso Vittorio Emanuele e piazza Beccaria, da poco rinnovata.

Riparata subito dopo e ispezionata, le impalcature all’interno della Galleria vennero smontate, lasciando pareti e copertura, apparentemente inalterate come prima.

Nel frattempo l’Hotel Ambasciatori ha restaurato la metà dell’arco di sua competenza, lasciando il resto agli altri proprietari che per ora non pare se ne occupino.

Ed ecco che da qualche giorno lungo Corso Vittorio Emanuele, nel tratto prospiciente il palazzo della galleria delle transenne pare siano caduti altri blocchetti di intonaco e pietre, mettendo in pericolo i passanti. Staremo a vedere se a questo punto qualcuno si degni ad approntare un restauro vero e proprio all’intera galleria e al palazzo rivestito in pietra.

Il palazzo e la galleria vennero costruiti nel 1926 su progettato dell’architetto Pier Giulio Magistretti.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


One thought on “Milano | Pasquirolo – La Galleria del Corso, ancora a pezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.