"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Lambrate – Il rinnovato Viale delle Rimembranze di Lambrate

Una grande festa per celebrare la nuova “piazza del quartiere”. Da questa ieri mattina Viale delle Rimembranze di Lambrate è tornata alla fruizione pubblica dopo i lavori di riqualificazione che, in soli due mesi, l’hanno trasformata in un nuovo luogo di socialità per tutti i residenti della zona.

La piazza è stata parzialmente ripavimentata in calcestre per consentire l’estensione dell’area pedonale fruibile senza limitare la permeabilità del suolo ed è stata suddivisa in quattro sezioni, ognuna caratterizzata da un diverso tipo di attività: nei quattro spicchi sono state posizionate panche e tavoli in granito e in pietra, cassoni in legno per la realizzazione di piccoli orti didattici a disposizione di scuole e associazioni, un campo gioco per la petanque e tavoli da ping pong.

È stata anche potenziata l’illuminazione, mentre è allo studio lo spostamento della fermata del tram per garantire una migliore accessibilità. L’intervento, concordato con il Municipio 3 che ha raccolto le suggestioni e i suggerimenti che le associazioni di quartiere hanno espresso negli ultimi anni, rientra nel Piano Periferie dell’Amministrazione e ha restituito vitalità e decoro a una piazza storica del quartiere.

La riqualificazione di Viale delle Rimembranze di Lambrate sarà perfezionata nel 2018 grazie a un intervento sull’anello esterno della piazza. La Società Quorum, infatti, realizzerà l’allargamento e la risagomatura dei marciapiedi in corrispondenza delle intersezioni, il ripristino delle nuove cordonature e della pavimentazione in asfalto, l’adeguamento della rete di smaltimento delle acque meteoriche e l’installazione di nuova segnaletica, oltre alla realizzazione di attraversamenti pedonali comprensivi di scivoli per disabili.

Anche per il sottopasso pedonale dell’Ortica sono previsti lavori di risistemazione volti ad aumentarne la sicurezza e l’accessibilità. In particolare, saranno sostituite le rampe con altre più agevoli e inclinate a una pendenza inferiore all’attuale, e le pareti laterali, che saranno abbellite con rampicanti. Il progetto prevede anche il rifacimento dell’impianto di illuminazione pubblica e il riordino del sistema della sosta.

L’inaugurazione di Viale delle Rimembranze di Lambrate questa mattina si inserisce nel ricco palinsesto di Green City Milano, che da ieri ha preso il via con oltre 500 eventi diffusi in tutta la città. Sempre nell’ambito della tre giorni dedicata al verde cittadino, stamattina è stata posata la targa che attesta l’adozione e la cura dello storico glicine di via Ferrante Aporti da parte dell’associazione FAS e Legambiente, mentre Retake Milano insieme a Legambiente  ed ai volontari dell’Associazione Compagnia dell’Anello di via dei Missaglia hanno pulito il giardino condiviso di via Giambellino 125.  E un nuovo grande giardino condiviso di quasi due ettari è stato inaugurato in via San Faustino con una giornata di condivisione tra letture, sport, attività cinofile, concerti, brindisi e pic nic.

Sono molti i giardini condivisi che partecipano con iniziative a Green City Milano, da via Guglielmo Pepe,  agli orti di via Padova, ai Giardini in Transito Lea Garofalo, al Giardino Scaldasole, al Giardino Nascosto del Comitato Ponti e in tanti altri spazi che i cittadini hanno ridato con il loro impegno alla città. I cittadini hanno anche potuto scoprire i segreti del cantiere Symbiosis, il nuovo business district milanese, aperto straordinariamente da Beni Stabili.

Domani a partire dalle 9 al boschetto di Rogoredo in via Fabio Massimo arriverà invece “Puliamo il Mondo”, la grande campagna nazionale di volontariato ambientale promossa da Legambiente giunta alla 25esima edizione: Italia Nostra, Legambiente e tutti i cittadini e associazioni che lo vorranno daranno vita a una mattinata di pulizia dell’area verde che grazie al lavoro di Italia Nostra nei prossimi anni diventerà sicura e fruibile. I partecipanti potranno portare del cibo per condividere un pic nic.

In contemporanea un’altra delegazione di Legambiente – nell’ambito del progetto Re-Lambro di riqualificazione della rete ecologica del Lambro inserito nel Piano Periferie come occasione di rigenerazione urbana a partire dalla tutela dell’ambiente – alle 9.45 si è riunita in via Rizzoli 70 per  pulire le sponde del Lambro in collaborazione diverse con associazioni di zona e comitati di cittadini.

Qui il ostro articolo che denunciava lo stato di degrado della piazza prima dell’intervento.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Lambrate – Il rinnovato Viale delle Rimembranze di Lambrate

  1. Pierre

    Bel progetto! Finalmente si comincia a valorizzare le piazze. Chiedo un progetto simile anche per piazza San Luigi Gonzaga. Ora è un parcheggio selvaggio. Con panchine, verde e un illuminazione adeguata. Milano ha tanti quartieri da valorizzare.

  2. Anonimo

    Soldi buttati. Tra qualche settimana sarà nuovamente invasa da zingari e barboni. Pensando alle condizioni in cui versa il centro città i soldi sarebbero stati meglio spesi nel riqualificare aree più centrali che piangono miseria. Prima di commentare ed insultare il mio post pensateci due volte; chiedetevi se tra qualche settimana purtroppo quella piazza sarà nuovamente in mano al degrado ?

    1. Piero

      I dubbi su come sia stata pensata la riqualificazione della piazza ci stanno tutti, ma non credo siano soldi buttati.

      L’importante è analizzare serenamente e con senso critico i risultati dopo un anno e (se del caso) prendere le necessarie misure per non fare di nuovo gli stessi errori.

    2. Wf

      Ma tanto tu sei uno di quelli che nei post dove riqualificano qualche piazza del centro è sempre pronto a dire che sono soldi buttati e bisognerebbe invece riqualificare la periferia….



      Loop

      1. Anonimo

        Per apparire intelligente non devi sempre scrivere qualcosa giusto per il gusto di farlo. Le risorse sono scarse e vanno utilizzate al meglio. Quella piazza sara’ nuovamente invasa dal degrado tra qualche settimana al massimo. Non si riqualifica un quartiere con una piazzetta. Comunque sarà il tempo a darmi ragione o meno ma caro WF io sarò qui a ricordatelo.

  3. -Ale-

    L’intervento è positivo. Tutti gli interventi che mettono ordine, vanno nella giusta direzione.
    Un posto ordinato è apprezzato e quindi più vissuto… il degrado è invece attratto dalle zone isolate o malconce, abbandonate, non vissute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.