"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Ambiente: da domani blocco delle auto inquinanti

Foto MilanoCam

Scatteranno domani, martedì 17 ottobre, le misure temporanee per il blocco della circolazione delle auto più inquinanti. È quanto prevede l’accordo di programma del bacino padano adottato il 9 giugno dalla Regione Lombardia con Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e il Ministero dell’Ambiente, a seguito dei superamenti del limite dei 50 microgrammi per metro cubo delle polveri sottili Pm10 nell’area metropolitana di Milano registrati negli ultimi giorni dalle centraline Arpa (Azienda regionale per la protezione dell’ambiente).

Il blocco resterà attivo fino a quando non verranno certificati da Arpa due giorni successivi di valori sotto i 50 mg.

Le misure stabiliscono che dal lunedì alla domenica compresa è vietata la circolazione ai veicoli per il trasporto persone alimentati a gasolio fino alla classe 4 inclusa dalle 8.30 alle 18.30 e ai veicoli per il trasporto merci alimentati a gasolio fino alla classe 3 compresa dalle 8.30 alle 12.30.

Inoltre è vietato utilizzare sistemi di riscaldamento a legna, accendere falò, barbecue, fuochi d’artificio ed è obbligatorio ridurre di un grado centigrado la temperatura all’interno delle abitazioni. Per quanto riguarda quest’ultimo punto si fa notare che il provvedimento coincide con l’avvio della stagione termica ma anche con il perdurare di temperature molto miti e superiori alla media.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Ambiente: da domani blocco delle auto inquinanti

  1. Pierre

    5 punti:

    1) treni trenord decenti per la lombardia (tipo Thilo), con alte frequenze e manutenzione dei binari (che non vanno a 5km/h). Possibilità di comperare biglietti nelle stazioni. Alcune linee (come la S9 Albairate-Saronno sono uno scherzo)
    2) Piste ciclabili in tutta l’area metropolitana, anche in centro
    3) allargare area C fino alla circonvallazione
    4) Ridurre a zero la sosta selvaggia. Se la gente sa che a Milano non può parcheggiare abusivamente è disposta a usare anche i mezzi.
    5) Circle Line, gestito e integrato nel servizio di Metropolitana Milanese.

  2. Davide

    Ovviamente con temperatura esterna di 24°C i conduttori degli impianti di riscaldamento condominiale hanno regolarmente fatto partire l’impianto…

    1. Mozart's Birthday

      Dato che adesso ci sono i misuratori di calore obbligatori su tutti i termosifoni, basta chiudere la manovella dei tuoi, così non solo contribuisci a non inquinare ma risparmi pure.

      Invece di lamentarsi sempre di cosa fanno gli altri cominciamo noi nel nostro piccolo a fare quello che possiamo.

  3. Anonimo

    Sala ieri ha rivolto l’appello ai milanesi:” non accendete le caldaie “. Noi milanesi rispondiamo : “ PIANTUMA I NUMEROSI VIALI SGUARNITI DI QUESTA CAZZO DI CITTÀ COME HAI PROMESSO IN CAMPAGNA ELETTORALE “

    Il centro di Milano per quantità e presenza di verde ed alberi è uno scandalo. Possibile che ogni volta in autunno ci troviamo nelle stesse condizioni? Il verde magari non risolverà del tutto il problema ma sicuramente lo mitigherà. È l’unico rimedio naturale per cercare di arginare almeno un po’ il problema.

  4. Wf

    Ormai comunque le metro le abbiamo fatte.
    Area c fatta.
    Biciclette dovrebbero pian piano prendere sempre più piede.

    Ormai l’unico livello sul quale conta lavorare davvero per abbattere gli spostamenti in auto sono le Ferrovie di area metropolitana, fuori e dentro la,città metropolitana.

    All’estero la grande differenza viene fatta dai pendolari su ferro che gravitano nelle aree metropolitane.

    Laddove funziona la rete ferroviaria regionale allora ci sono poche auto nelle città, invece dove il treno regionale soffre tutti usano l’auto fuori e dentro le città (come in polonia ad esempio ndr)

    Quindi bisogna lavorare sul passante ferroviario e integrazione atm come nuova prossima frontiere…

    Il resto già funziona bene ed è già spremuto quasi al limite (atm)…
    Anche lo stato deve investire meno in asfalto e passare i fondi sul ferro metropolitano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.