"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centro Direzionale – Nuovi marciapiedi all’incrocio tra le vie Gioia-Galvani

Proseguono i lavori per la sistemazione e la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali lungo il primo tratto di via Melchiorre Gioia, quello che va da via Pirelli sino a via Galvani. Dopo la creazione di un cordolo centrale lungo la Melchiorre Gioia, con attraversamento pedonale al centro dove non esisteva precedentemente, ora il cantiere ha coinvolto l’incrocio con via Galvani creando delle “isole” centrali e l’eliminazione dei parcheggi all’angolo. Intanto sono già stati montati anche i nuovi semafori a ponte.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Centro Direzionale – Nuovi marciapiedi all’incrocio tra le vie Gioia-Galvani

  1. Serenissimo

    Un intervento più che necessario perché il parcheggio delle auto a ridosso dell’incrocio (non di rado anche sulle strisce pedonali-ciclabili) era veramente pericoloso. Senza contare che poco più avanti c’è l’entrata alle scuole delle Suore.

    Nota: gli archi dei semafori a ponte sono stati posizionati da almeno un paio di mesi… ma forse attendevano questo intervento per mettere le luci

  2. M. M

    Messa in sicurezza con i cordoli degli spartitraffico a Spigolo vivo invece che smussato e ribassato? Hahaha alla faccia dei lavori fatti bene. Poi ovviamente scommetto che quelle isole e cordoli non verranno minimamente Colorati di Giallo come si dovrebbe. Roba da 5° mondo

  3. Wf

    Bei lavori.
    Finalmente dissuasori e soprattutto la tecnica delle “orecchie ” alla fine dei marciapiedi per impedire la sosta sulla strada in prossimità degli incroci per lasciare visibilità nei pressi dei semafori.

    Un bel passo avanti nell incanalamento del traffico.
    E senza dubbio guadagniamo un attraversamento pedonale.

    1. Adriano

      cioè secondo te quei marciapiede di catrame che va fino al piano strada e delle strisce disegnate così è un bel lavoro?
      Non basta mettere due cazzo di dissuarori per fare un lavoro fatto bene.
      Il viale andrebbe riprogettato tutto…non facendo questi lavoretti del cazzo…soliti cazzoni lavori giusto per far vedere che ci sono…o le cose le fai bene o lascia perdere…scarsoni allo sbaraglio…
      cosa vuol dire quel pezzo di pista ciclabile nella foto 4 ma secondo te in un paese evoluto con un arredo urbano decente partorirebbe quella merda…ma dai….
      Mamma mia che fastidio che qualcuno difenda questi lavori del cazzo….

      Progettazione a 30 anni del viale con i soldi presi dai non residenti che entrano a milano ed inquinano devono pagare 1 euro al giorno e basta…
      700000 euro al giorno per rifare il viale in maniera decente.
      Altro che chiedere i soldi all’europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.