"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – Cantiere CityLife: la cancellata liberty è tornata a casa

E’ tornata al suo posto la cancellata vagamente liberty in ferro battuto realizzata dal mitico Alessandro Mazzucotelli (grande artista del ferro battuto specializzato in opere in stile liberty) nel 1923, che chiudeva la vecchia Fiera di Milano e che pur essendo sul luogo, era sparita e nascosta dal disordine e dalle sovrapposizioni che caratterizzavano il sito della Fiera. Le cancellate floreali, sono state restaurate e riportate al loro splendore degli anni Venti del Novecento, quando vennero realizzate, e in questi giorni sono in fase di posizionamento. I piloni, invece, non sono più quelli degli anni Venti, ma sono rimasti e sono stati restaurati, quelli che vennero realizzati nel decennio successivo.

Le foto sono sempre di Michele Stella.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


5 thoughts on “Milano | Tre Torri – Cantiere CityLife: la cancellata liberty è tornata a casa

  1. Anonimo

    Vagamente Liberty è un’espressione che mi lascia perplesso trattandosi di un’opera di Alessandro Mazzuccotelli del 1923, semmai vagamente Deco visti alcuni elementi decorativi del cancello, ad esempio il “ricciolo”., d’altra parte non avete neppure menzionato l’autore.

  2. Wf

    Che spettacolo.
    Ma non si può recuperare un Po di liberty per milano che comunque è una città di impronta austro ungarica?

    Troppo catrame in giro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.