"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Cantiere Unipol, fine ottobre 2017

Ecco un aggiornamento al cantiere per le fondamenta della Torre Unipol in costruzione a Porta Nuova tra piazza Gae Aulenti e via Melchiorre Gioia.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


9 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Cantiere Unipol, fine ottobre 2017

  1. fabio

    Sono d’accordo, è fermo da mesi. Ma non vedete che hanno fatto la presentazione in pompa magna e poi….sono 5 mesi che vanno avanti a super rilento? Per me, ridicoli, essendoci già sicuro un inquilino che la occuperà (Unipol). Ha fatto più progressi l’immobilità del futuro curvo, ma quello almeno già si sapeva che era in attesa di un futuro inquilino.

    1. Massimiliano

      Unipol, dopo avere rilevato le attività di Ligresti, ha in pancia un sacco di cantieri rimasti a metà… Se la prenderà comoda: non è un’immobiliare, ma un’assicurazione. Gli immobili li costruisce per metterli a reddito e quindi procederà nella costruzione in base alla liquidità via via disponibile. Il cosiddetto “bucone” è così da anni. Tra l’altro c’è anche l’ecomostro che si affaccia sulla Biblioteca degli Alberi da completare, un altro lascito di Ligresti.

    1. alberto tadini

      Tutte le volte che ci passo noto che la palificatrice è in funzione. Spesso anche la sabato. Non credo poi che ci sia molto spazio per fare di più: forse dalle foto non si nota ma dal vcero ci si rende conto che lo spazio è poco e ritengo che le macchine debbano sempre lavorare in sicurezza per evitare infortuni sul lavoro.

  2. Fabio

    Beh. Esistono anche dei limiti al tempo di realizzazione, passati i quali, se non c’è un valido motivo….si pagano multe per il ritardo. I milanesi devono vedersi quel buco x dieci anni? Per me NO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.