"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Biblioteca degli Alberi, cantiere fine ottobre 2017

 

Eccoci nuovamente a fare un giro al cantiere della Biblioteca degli Alberi in costruzione a Porta Nuova. Questa volta abbiamo preferito fotografate il lato lungo via Melchiorre Gioia e piazza Einaudi. Questa è la parte lasciata volutamente più in dietro. Al momento gli operai stanno costruendo, fra le altre mille cose, anche le scale per colmare il dislivello dal podio sopraelevato e via Melchiorre Gioia.

Mentre è stata completata, finalmente, la impermeabilizzazione del parcheggio interrato sotto piazza Einaudi.

Abbiamo anche scattato una foto al mockup applicato in facciata da qualche settimana del nuovo rivestimento del palazzo d’angolo tra Piazza Einaudi e Viale della Liberazione, chiamato ora “The Corner“, che vede la completa riqualificazione del palazzo realizzato da Melchiorre Bega per gli uffici Telecom e Generali nel 1964, l’intervento è dell’mmobiliare, Cushman & Wakefield

 

Tornando al parco, ci spostiamo verso via Sassetti dove ora anche in questa porzione di parco iniziano a vedersi i sentieri che solcano il lotto con delle rette ad incastro.

Qui, nei pressi del palazzo/cantiere degli Uffici Tecnici di via Pirelli, c’è uno spiazzo dove si trovano, nel sottosuolo, gli impianti tecnici della zona. Questo spazio è da molti anni, il luogo preferito per i rom che stazionano nel quartiere. Per “rispetto” non abbiamo fotografato i giacigli di fortuna che si trovano lungo la tettoia d’accesso ai locali sottostanti. Speriamo che una volta sistemata la Biblioteca degli Alberi, anche quest’area venga bonificata e riqualificata.

Concludiamo il nostro giro all’angolo con Via Gaetano de Castillia, dove c’è l’unica parte aperta al pubblico del parco.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


26 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Biblioteca degli Alberi, cantiere fine ottobre 2017

    1. Marshall

      Central Park e grande 15 volte questo e non è paragonabile alla cosiddetta Bibliioteca degli alberi. Quest’ultima non è nemmeno un parco ma un grande giardino.
      Il vero central Park di Milano è Parco Nord che è peraltro grande quasi due volte Central park.

      1. -Ale-

        Sempre a criticare… che noia!
        Milano non avrà mai un parco comparabile con Central Park per il semplice motivo che NY è grande 7 vole Milano! Fisicamente non c’è spazio.
        La qualità del parco non la misuri solo con la dimensione.
        La biblioteca degli Alberi appare essere in linea con la qualità dei migliori parchi.

        Wf sogna, ma concettualmente ha ragione: un parco in centro città tra i grattacieli.

        Poi se proprio cerchiamo un parco di grande dimensioni, quello è il Parco di Monza, che forse un giorno sarà connesso con la metro.

      2. wf

        Thankz, finlmente qualcuno ha capito il concetto.

        Ovviamente in attesa del futuro scalo Farini che quello sarà il vero Central PArk di Milano (ma troppo in là con i tempi anche per sognarlo..ndr)

        Guardate ceh se sognate un pò non vi viene il vaiolo…
        Enjoy

    1. Anonimo

      wf, ma perchè non ti apri il tuo blog anzichè spammare articoli che non ci azzeccano niente di niente con gli articoli di UF?

  1. M. M

    Decolla il turismo e ancora abbiamo il terminal di Lampugnano peggio della periferia di calcutta e nessuna delle stazioni metro con le Preziose Mappe di quartiere… Mah,! (e piazza Duomo e Scala ancora senza FIORI sui balconi scommetto.. )

    1. wf

      Con i dati del 2017 che rappresentano un record. Quasi 400 mila visitatori in più nel capoluogo lombardo rispetto ai primi otto mesi del 2016. Un aumento del 12,32 per cento, con una punta di 57.323 turisti in più nel mese di agosto, un incremento delle visite del 14,38 per cento in un mese considerato tradizionalmente di deserto metropolitano.

      Anche il tasso di occupazione degli hotel da gennaio ad agosto di quest’anno registra dati positivi: con un 9 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Alberghi con più clienti in tutta la città, in particolare nelle zone Rho-Fiera (più 17,1 per cento), Zara-Brianza (più 10,6 per cento) e Fiera City (più 9,9 per cento). Un giro di affari che si aggira intorno ai 150 milioni di euro al mese. Fare mosse sbagliate in questo momento sarebbe se non un comportamento suicida, sicuramente autolesionista.

      Hai ragione ma i dati sono dati.

    2. Serenissimo

      Tra l’altro, in passato le mappe di quartiere c’erano eccome, in tutte le stazioni. Poi a un certo punto sono sparite e non si sa perché. Tempo fa ho scritto anche all’ATM chiedendo chiarimenti in merito: non mi hanno mai risposto.

      Eppure sarebbero fondamentali per i turisti (che come abbiamo visto sono in aumento) e anche per orientarsi sui mezzi di superficie nelle vicinanze (questa è la logica delle mappe di quartiere della metro di Londra, per esempio).

          1. Wf

            Prosciutto cotto doc se vuoi ti do una spazzolata.
            Ti rimasto galleggiante in piccola piscina..
            😂😂😂😂😂

  2. Enrico

    Ma cosa state facendo diventare questo forum? Uno non può dire la propria opinione ed è criticato nel contenuto, nella forma e persino nel nome! Poi proprio uno dei pochi che storicamente fa commenti sensati.
    Questo era uno dei pochi forum liberi dove gli utenti rispettavano le idee degli altri , semmai si chiedevano spiegazioni e capitava anche che qualcuno ringraziasse perché non aveva capito al primo giro. Si facevano proposte e i commentatori si rispettavano. Chi sapeva di meno (es io) taceva e imparava, tollerante delle opinioni altrui.
    Ora i commenti sono slogan politici, ci si insulta per la grammatica e peggio ancora per delle opinioni che sono diverse.
    Veramente vi da soddisfazione un uso del genere di questo blog? Napalm51 era una parodia non un modello da seguire.

    1. -Ale-

      I tifosi politici sono un virus.
      Gente che per mancanza di idee proprie o per mero interesse personale, trasformano tutto in una campagna elettorale.
      Avendo pochi argomenti validi, passano rapidamente agli insulti.
      Una volta rovinavano le chiaccherate al bar, ora rovinano i blog intelligenti.

    2. Wf

      Hai ragione Enrico,
      Infatti bisognerebbe sempre argomentare sui dati e non sulle opinioni.

      Ma se alcuni hanno solo opininioni cercano di appigliarsi a argomenti politici.
      Quando non hai sostanza argomentativa suffragata da dati di realtà, ma solo simpatie e antipatie politico personali…

      D’altronde ognuno è quale si definisce.
      E noi qui a fare come in 5a elementare.

      1. Anonimo

        Condivisibile, ma un pochino di sana autocritica da parte di Wf ci starebbe: apprezzo le sue simpatiche ossessioni (i bar e i ristoranti, i dissuasori fisici, la riduzione delle auto) ma non è possibile trovarti sempre e comunque a polemizzare col primo troll che passa, specie se il tema è la “padagnia” o qualsiasi amministrazione locale presente passata o futura che non sia a guida centrosinistra, con argomentazioni ovviamente flame (specie per chi legittimamente la pensa in modo più equilibrato….).
        Anche i “dati” se presentati solo per polemizzare e fuori da ogni contesto civile di discussione sono inutili ed abbassano tutto il livello.

        1. Wf

          Ok, potrei ribattere punto su punto ma accolgo l’invito a evitare polemiche inutile con i troll.

          Ma sinceramente i dati non sono per polemizzare ma quanto leggi delle castronerie campate in aria riporto dei dati di realtà. Ma come si fa a asserire certe cose mi chiedo…
          Poi io non sto qui a difendere nessuno in particolare ma semmai una direzione gestionale per dire per esempio di cogliere le opportunità,,faccio esempio decrescita del turismo.
          Sennò parliamo su basi reali falsate, cioè che il,turismo non è in ascesa ad es..
          Non è che per par condicio bisogna dire che va tutto male per riequilibrare …
          Sennò le decisioni successive saranno prese su basi false…

          Come per le biciclette. Ida ti dicono che è un successo di utilizzo.
          E non un disastro come sembra con i danneggiamenti e furti.
          E quindi bisogna comportarsi di conseguenza..

          Ma chiudo polemica e accolgo l’invito.
          Faccio autocritica se ho rincorso troppo i troll.
          Però pure voi prima di parlare andate a fare data searching e mining e ricerca sennò parliamo solo di opinioni opinabili.
          E ognuno ne ha una… come si diceva una volta..

  3. Giorgio precotto doc

    Ciao Roberto , secondo te , invece di spendere 500 milioni ( sicuramente sono di più , siamo in Italia ) per riaprire la martesana che non porterebbe niente e solo disagi , sarebbe un capriccio , non si potrebbero utilizzare per il mio sogno irrealizzabile ,fare un parco al posto della stazione e binari di porta Garibaldi fino all altezza della ghisolfa ? Le soluzioni sarebbero due , la prima interrarla é già sotto il livello stradale , la seconda spostare la stazione all altezza della sede di telelombardia poi collegarla con una metro leggera ,fs già deve fare la circle line ,sarebbe un parco immenso , porterebbe ossigeno , una lingua di verde , non é finita , trasformare il ponte della ghisolfa in una pista ciclabile Alberata che unisca city life a porta nuova , sarebbe la circovalazione del verde , sto sognando vero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.