"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Brisa – Aggiornamento portale dei Gorani

 

Un piccolo aggiornamento al cantiere del palazzo dei Gorani e alla ricostruzione del suo antico portale. Qui trovate il link agli altri articoli riguardanti la lunga storia di questo palazzo che sta per trovare, finalmente, una definitiva soluzione (che comunque ci lascia un po’ perplessi).

Per chi non lo sapesse ancora, in via dei Gorani, nel pieno centro città, i muratori stanno ricostruendo l’antico arco del portale barocca della nobile casa dei Gorani, distrutta dalle devastanti bombe del 1943 e che per anni è rimasto protetto ma isolato dal resto del contesto urbano.

Sempre nel nuovo cortile si trovano ammassati alcuni elementi architettonici del vecchio palazzo, come colonne e capitelli in pietra.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


3 thoughts on “Milano | Brisa – Aggiornamento portale dei Gorani

  1. Giorgio precotto doc

    Il lavoro fatto fin ora non è male, certo che con tutte quelle pareti invoglia i graffitari , sevirebbe un materiale oleoso per far colare la vernice , se esiste , oppure la ringhiera al posto del parapetto

  2. Claudiogi

    Direi… un filino fuori contesto, quasi straniante. Ma non è colpa del portale, sia chiaro. Più passa il tempo e più appare terribile la nuova edificazione. Sacrosanto eliminare l’orrido parcheggio che c’era precedentemente ma come sia stato possibile sconciare in questo modo un angolo storico della parte più antica e preziosa della nostra città per me rimane difficile da comprendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.