"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sempione – Lo scempio sfacciato del verde pubblico attorno alla Triennale

Quante volte abbiamo “denunciato” e portato all’attenzione (2016 e 2017) questo scempio portato avanti al fianco della Triennale e nel Parco Sempione.

Ci troviamo proprio all’interno del Parco Sempione, in Viale Luigi Camoens, nell’area a lato della Triennale, dove si trovano i famosi night club tanto in voga da anni, Old Fashion e Just Cavalli: il prato del parco è diventato un parcheggio sterrato, ormai amplissimo, con autoveicoli parcheggiati dappertutto, persino in mezzo agli alberi, inoltrandosi anche nell’area ancora verde, che è diventata sempre più degradata, con le piante anche di recente impianto danneggiate dal compattamento del terreno e dagli urti, persino sul vialetto pedonale con pavimentazione di pietra.

Perché in tutti questi anni nessuna amministrazione è riuscita a risolvere questo scempio? Perché non si fa in modo che non si possano più parcheggiare le vetture in questo spazio verde di Milano?

Eppure basterebbe poco, come prolungare il muretto di cemento già presente nel primo tratto, per impedire alle auto almeno di salire sul prato.

Per giunta continua imperterrita la consueta presenza di parcheggiatori abusivi, che con modi bruschi o minacciosi estorcono denaro obbligando al pagamento, su spazi che a quell’ora non lo sono, o che sono riservati o vietati (sono loro che indirizzano a parcheggiare sul prato, sugli spazi pedonali, come ci è stato riferito).

Da due anni il Viale Emilio Alemagna, che passa davanti alla Triennale, è stato trasformato in sede riservata ai mezzi pubblici oltre che in un’area a traffico limitato, ma senza telecamere, così l’autobus fa la fermata più lontana e le automobili private possono entrare lo stesso e parcheggiare (invece di favorire chi si muove coi mezzi pubblici e penalizzare chi usa l’auto privata).

 

Foto di Andrea Giorcelli.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


20 thoughts on “Milano | Sempione – Lo scempio sfacciato del verde pubblico attorno alla Triennale

  1. Anonimo

    Indegno. Si è risolta la grave situazione in cui versavano viale Milton, Alemagna e Moliere, ma è drasticamente peggiorata la situazione di parcheggio abusivo davanti all’Old Fashion e il Just Cavalli. Temo che sia molto difficile andare contro a queste 2 istituzioni della movida milanese e ai loro ricchi clienti automuniti.

    1. Anonimo

      Ma se la faccenda dei parcheggiatori abusivi è stranota da tempo, vedi anche c.so como per dirne un’ altra, non si fa niente e ci si mette la coscienza a
      posto tracciando una linea gialla per dire che hai fatto una pista ciclabile, questi che tu chiami ricchi clienti automuniti (io li chiamerei burinozzi di provincia)
      come ci dovrebbero andare in discoteca, in bicicletta?

        1. Anonimo

          E già, uomo di mondo, e il Porsche cosa ce l’ hanno a fare?
          O fai i posteggi o chiudi la discoteca, o mandi via i posteggiatori abusivi
          e spacciatori oppure chiudi gli occhi e fai finta di niente.
          Purtroppo c’è anche quella gente, non la educhi certo con il pensiero unico
          dei ciclotalebani.

        2. Pierre

          Concordo. Trovo pessimo che Taxi e mezzi da una fetta della popolazione non vengono considerati. Va bene. Ma che loro poi si permettono di metterti l’auto sul marciapiede davanti al portone e la polizia non fa niente – è ingiustificabile. Milano non è perfetta, ma soldi e mezzi ci sono. Non siamo in India. Questo Far West del parcheggio danneggia tutti. Serve una svolta.

        3. marshall

          Concordo pienamente. Se proprio si vuole andare in una discoteca dentro un parco storico in pieno centro di Milano ci si va in taxi.
          Il posteggio abusivo è gestito da un gruppo di mafiosetti che guadagnano cifre da capogiro ogni notte. E nessuno fa nulla.
          Questa sospensione della legalità nel cuore di Milano è una ferita inaccettabile.

          1. Pierre

            Assolutamente d’accordo. Sono stanco dei fighetti in suv in parcheggio abusivo, che dopo la serata in discoteca tornano a casa ubriachi pure guidando. E questo nel pieno centro di una metropoli. È un anachronismo!! Siamo quasi nel 2018!!

          2. Giancarlob

            E ci mancherebbe pure che la pattuglia di ausiliari del traffico andasse li a dar multe con i manifesti che “sorvegliano” le macchine abbandonate (dire parcheggiate è eccessivo….). Meglio andare a colpire in zone più tranquille della città !

          3. _

            Un bel ricorsino e la multa dell’Ausiliare data fuori dalle strisce gialle/blu si cancella quasi sempre.
            Figuariamoci se il frequentatore medio di quei posti che ci va in macchina e la lascia sull’erba in mezzo ai parcheggiatori abusivi non lo sa…

            Ci vorrebbero i Vigili. O meglio, qualcuno che avesse il potere di dirgli di andarci.

    1. _

      La cosa strana è che qui non parliamo di Eroici Combattenti del Disagio Sociale come quelli che deturpano con le scritte mezza città, ma di volgari arricchiti di provincia che vanno a farsi belli nelle discoteche alla moda: cosa ferma il Comune dal prendere seriamente la questione?

  2. Stefano

    Situazione indecorosa che io stesso ho più volte documentato e segnalato direttamente al Comune. Vi consiglio anche di vedere come è ridotto il vialetto in porfido che costeggia il lato sx della Triennale verso il parco: cubetti di porfido ovunque. Splendide anche le auto posteggiate direttamente sopra le griglie di areazione degli impianti sempre sul lato sx della Triennale! Giusto due settimane fa durante la mia usuale sessione di running mi sono imbattuto nel nostro Sindaco mentre entrava in Arena; l’ho fermato proprio per fargli presente la situazione oscena, mafiosa e malavitosa in cui versa quella porzione di parco; gli ho anche chiesto se la competenza è della Triennale o del Comune e mi ha confermato essere solo di quest’ultimo. Mi ha detto che “se ne occuperà”…mah, stiamo a vedere e continuiamo a denunciare questo degrado

  3. Pierre

    A Milano ogni giorno più di 100.000 macchine in sosta abusiva. La situazione diventa sempre più inaccettabile. Milano è una metropoli. Dobbiamo tutti scrivere al comune. Serve una rivolta della gente perbene. Tutto lo spazio pubblico viene assalito da mezzi privati. È una vergogna megagalattica. E comune e vigili dormono!!!!

    1. Pierre

      Si, ma fa freddo fuori. Non possiamo mica chiedere alla polizia locale di controllare le regole e di salvaguardare sicurezza, viabilità e decoro della città. Dovranno pure lavorare per guadagnarsi lo stipendio questi poveri poliziotti. Ironia off.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.