"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Forze Armate – Demanio: al Comune alcuni beni immobili dello Stato

Il Comune di Milano acquisisce a titolo non oneroso 21 beni immobili dal Demanio dello Stato. Lo ha stabilito una delibera della Giunta nell’ambito dell’attuazione del cosiddetto “Federalismo demaniale 2016”, che consente ai Comuni l’attribuzione di beni statali ubicati nei propri territori per finalità istituzionali. Nel caso di Milano, l’Amministrazione entra in possesso di alcune aree.

“La delibera rappresenta una chiara assunzione di responsabilità dell’Amministrazione su aree e beni oggetto di interventi da parte della stessa”, afferma l’assessore al Bilancio e al Demanio Roberto Tasca. “Testimonia anche una virtuosa collaborazione tra amministrazione locale e centrale”.

La procedura di attribuzione prevede che la richiesta sia avanzata dall’ente locale che individua le aree da acquisire per finalità pubblico-istituzionali o sociali o su cui intende realizzare opere di urbanizzazione. Entro il 31 dicembre 2016 sono state presentate all’Agenzia del demanio le richieste di beni immobili ritenuti di potenziale interesse dell’Amministrazione.

Si tratta di 21 tra aree non edificate, sedimi stradali e terreni sulla maggior parte dei quali sono in corso d’opera progetti per il miglioramento viabilistico e urbanistico.

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Forze Armate – Demanio: al Comune alcuni beni immobili dello Stato

  1. Anonimo

    Ottimo.
    Come previsto dalla legge 42/2009 (inutile dire che qualcuno fece ricorso fin alla Corte Costituzionale contro questa legge…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.