"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Quadrilatero – Luci innovative in via del Gesù

 

Via Gesù si accende di nuova luce in occasione della settimana della moda uomo. È stato inaugurato ieri sera dagli assessori Cristina Tajani (Commercio, Moda e Design) e Marco Granelli (Mobilità) con Sciaké Bonadeo, Presidente del Consorzio via Gesù, il nuovo sistema che oltre a illuminare la via consente a cittadini, residenti e turisti di scoprire, in modo interattivo, una delle vie più caratteristiche della città per la moda maschile e i tesori d’arte e di stile.

Il progetto Via Gesù: the flow of light non è solo un innovativo intervento di illuminazione pubblica ma la testimonianza della capacità di Milano di rispondere alle sfide del futuro già nel presente, grazie all’unione di scienza, cultura e tecnologia e di produrre una visione comune e condivisa tra cittadini, aziende e Istituzioni”. Così gli assessori Cristina Tajani (Commercio, Moda e Design) e Marco Granelli (Mobilità), che proseguono: “Una nuova illuminazione più smart e fruibile per la via simbolo internazionale della moda uomo, segno dell’attenzione che l’Amministrazione ha per questo importante comparto del Made in Italy”.

Via Gesù: the flow of light è ideato realizzato da Artemide e promosso dall’Associazione di via Gesù insieme alla fondazione Riccardo Catella in sinergia con il Comune di Milano e A2A. Un’installazione illuminotecnica permanente in sintonia con il concetto di Smart City di cui il Comune è da tempo promotore. Un fiume di luce che supera il concetto di illuminazione urbana e diventa fonte di informazione, relazione e cultura in un’area centrale e storica della città. Via Gesù è da oggi protagonista di un progetto sperimentale che valorizza, grazie alle opportunità offerte delle nuove tecnologiche impiegate, le peculiarità di un luogo dove si susseguono boutique raffinate, botteghe artigiane, antiquari, il Four Seasons Hotel Milano nato dalla trasformazione del Convento di Santa Maria del Gesù e perle come la casa museo Bagatti Valsecchi.

Le undici nuove lampade Nur Led Outdoor ideate da Artemide e installate lungo tutta la via in sostituzione delle normali luci a led, grazie a particolari sensori affiancati alla tecnologia bluetooth Low Energy consentiranno di stabilire una connessione diretta con gli smartphone o i tablet dei passanti, introducendoli in un flusso di aggiornamenti informativi grazie ai quali scoprire le realtà commerciali presenti in loco e la storia della via e del quartiere insieme alle tante opportunità culturali, turistiche e molte altre curiosità.

La piattaforma intelligente si integra in un network cittadino smart e “senseable” consentendo la misurazione di differenti parametri di gestione e lo scambio dei dati aperto a diverse applicazioni. La nuova illuminazione stradale di via Gesù racconta una città sempre più attenta a valorizzare la propria storia e architettura con l’utilizzo delle nuove tecnologie. Il costo complessivo del progetto è interamente sostenuto dagli ideatori e  dall’Associazione di via Gesù e donato alla città.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Quadrilatero – Luci innovative in via del Gesù

  1. Dan

    Si sa qualcosa degli oneri di urbanizzazione della apple; che dovrebbero servire per riqualificare le vie del centro incluso il quadrilatero (montenapoleone)?

  2. Anonimo

    Natale chi se ne frega, ma le luci per la settimana della moda vedo che c’è tutta la giunta Comunale sull’attenti e sul pezzo!
    Ah, il potere dei soldi….

        1. _

          Resta il punto che per Natale (o la festa della Luce, o dell’Inverno o delle Vacanze come vuole imporci la brigata finto politically correct) non ci son soldi e c’è una tristezza totale. Poi per far spendere i cinesi (e tutti gli altri che han soldi) le idee e le iniziative fioccano.
          Questo può anche non piacere ed è legittimo dirlo senza essere tacciati di “commento inutile” dal fenomeno di turno (mia personale opinione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.