"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Siro – I lavori a metà di via Gavirate

Articolo di Stefano Fabiani.

Già nel 2013 denunciavamo il degrado presente in via Gavirate, causato dal parcheggio selvaggio sulle aiuole presenti nella via.
Ma oggi come si presenta la via?
Già l’anno scorso, il Comune decise di intervenire: fu messo un doppio cordolo intorno alle piccole aiuole dei marciapiedi, ma solo dalla parte dei civici dispari. Il risultato è che ora sull’altro lato della strada e sull’aiuola centrale il parcheggio selvaggio è rimasto, se non addirittura peggiorato.

La situazione, nel primo caso, è decisamente fuori controllo: in pratica, ogni giorno si forma sul marciapiede una fila ininterrotta di parcheggi paralleli a quelli regolari in strada.

Anche sull’aiuola centrale la situazione è tutt’altro che rosea.

Forse si aspetta ad intervenire sullo spartitraffico finché l’ultimo ciuffo d’erba non sarà scomparso. Fosse davvero così dovremmo rallegrarci, dato che non manca poi molto…

 

Insomma, non sarebbe giunto il tempo di riordinare anche l’altro lato della strada e l’aiuola spartitraffico?
O vogliamo continuare a tenere in bella mostra fanghiglia e auto sui marciapiedi? A due passi da qui è “appena” arrivata la M5, sarebbe il caso di riqualificare un bel po’ questa zona…

 

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


4 thoughts on “Milano | San Siro – I lavori a metà di via Gavirate

  1. Wf

    Che cosa strana è mai vista.

    Da una parte hanno messo dei dissuasori di parcheggio (il doppio cordolo).

    Dall’altra nessun dissuasore.

    È stranamente tutte le auto sono parcheggiate dove NON ci sono impedimenti fisici per salire sulle aiuole.

    Non i spiego proprio come mai si sono parcheggiati tutti dove possono.
    Come se i ripetuti appelli alla civiltà e al buon senso , i tadzebao contro la sosta selvaggia, le grida di manzoniana memoria , le invettive, le maledizioni, le ripetute invettive ai vigili urbani, lo strilli solitario o collettivo della poiana modulata al cielo, agli dei alla luna non bastassero a fermare la piaga d’Egitto della sosta selvaggia su aiuole e marciapiedi !!?

    Ma che mondo è questo?!
    Non è sufficiente latrare alla luna il figlie urbano?
    Anche gli dei del passato rispondevano alle offerte sacrificali e agli aruspici..

    Bastasse solamente una soluzione efficace di impedimento lo faremmo subito.
    Invece…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.