"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bilancio Partecipativo: sabato si vota

IL BILANCIO PARTECIPATIVO: SI VOTA!

Nell’ambito di #MilanoDigitalWeek sabato 17 marzo, a Palazzo Reale in Sala Conferenze la grande fiera dei progetti. Potrai incontrare gli autori e votare online con l’assistenza dello staff del Bilancio Partecipativo.

 

Sabato 17 marzo inauguriamo la fase di voto con la grande “fiera dei progetti” del Bilancio Partecipativo di Milano.

Dalle 10:30 sino alle 14:00, in Sala Conferenze a Palazzo Reale, gli autori dei progetti saranno a tua disposizione per fornirti informazioni e approfondimenti. Sarà un po’ come partecipare a una “fiera”: troverai nove piccoli stand dedicati a ciascun municipio.
Inoltre lo staff del Bilancio Partecipativo sarà a tua disposizione per assisterti nella registrazione e darti supporto al voto.
 
Introduce la giornata l’Assessore Lorenzo Lipparini che illustrerà la fase del voto – digitale e offline – e le nuove modalità di registrazione.

L’incontro rientra nel calendario di iniziative della Milano Digital Week.
E’ necessario registrare la propria partecipazione a questo link.

Saranno effettuate riprese video. E’ necessario firmare e stampare la liberatoria da scaricare qui.

COME SI VOTA

La fase di voto dura un mese – dal 15 marzo al 15 aprile.

Si vota online sul sito del Bilancio Partecipativo.

Si possono votare fino a 3 progetti, anche in Municipi diversi.

Si può modificare il voto  sino all’ultimo giorno ultimo giorno utile, il 15 aprile. Dunque, anche in caso di ripensamenti, si potrà rettificare la precedente preferenza.

ATTENZIONE

Hanno diritto al voto tutti i cittadini, residenti e city users di ogni nazionalità, dai 16 anni in su.

Per votare è necessario essere registrati sul sito del Bilancio Partecipativo.

Si può votare anche in modalità cartacea nelle sedi principali dei nove Municipi o ad uno dei nove banchetti di voto allestiti nei mercati in tutta la città.

Si può ricevere assistenza alla registrazione ed al voto digitale anche in alcunebiblioteche.

Gli utenti già registrati sul portale del Comune – con username e password o con SPID – potranno usare le stesse credenziali per accedere anche al sito del Bilancio Partecipativo e votare i progetti finalisti.

Info su www.bilanciopartecipativomilano.it

 

AVVISO
Il server di gestione della newsletter è migrato dall’Università degli Studi di Milano al Comune di Milano. Se non desideri confermare l’autorizzazione all’uso dei tuoi dati personali, invia una mail ainfo@bilanciopartecipativomilano.it e indica nell’oggetto: RIMUOVIMI DALLA NEWSLETTER.

Se desiderassi in futuro continuare a riceverla, potrai nuovamente registrarti sul sitowww.bilancioparetcipativomilano.it




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Bilancio Partecipativo: sabato si vota

  1. Wf

    Mi raccomando votiamo tutti.

    È poi non lamentiamoci che il comune non ascolta i cittadini dal basso con i progetti dei cittadini stessi.

    1. Adriano

      AHAHAH….wf mi fai morire, sono tutti progetti che non dovrebbero essere i cittadini a pensarci ma il sindaco e la sua giunta…e ti fanno credere di essere tua a decidere qualcosa….povera italia…
      E non mi dite come si fa si sbaglia, si perchè fino a quando non vedo un progetto a 30 anni ma solo piccoli progetti di provincia e non un vero riassetto della mobilità e dell’urbanistica qualsiasi governo della città per me ha fallito.
      Se riesci a creare progetti di distrazione di massa come expo, city life e porta nuova garibaldi sei minimanente giustificato se non riesci a sistemare la mobilità e l’urbanistica, ma quando l’unico progetto serio che segui sono la riapertura dei navigli (nulla cosmico) e gli scali ferroriva (- del nulla cosmico) allora tutti questi interventi richiesti nel sito per i sinistrorsi sono da fare senza nemmeno chiedere ai cittadini…

    2. Anonimo

      Effettivamente vedere tanti bei progetti, tutti sensati e pure poco costosi (quelli oltre una certa cifra son stati esclusi dal Comune prima della votazione, come il ponte pedonale tra Via Bergognone e il Naviglio) che devono lottare tra loro è triste.

      Andrebbero fatti tutti.

      Cioè per ipotesi non facciamo la sacrosanta ciclabile tra Corso Lodi e Corso Indipendenza perchè i giochi per bambini al Parco han preso 3 voti in più? Non sono d’accordo!
      E se non ci sono i soldi deve essere il Comune a dirlo e decidere cosa fare, mica lasciare l’onere della decisione a chi contatta più gente sui social per dirgli di votare il suo (giusto e bello) progetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.