"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Magenta – Via XX Settembre, una volta strada elegante

Alla fine dell’Ottocento venne creata secondo il Piano Beruto (1884-1889), quest’elegante zona chiamata quartiere Magenta, che si estendeva tra il Castello Sforzesco, Corso Magenta, Porta Magenta e il nuovo Parco Sempione. Qui si trasferì buona parte della borghesia milanese, che abbandonava i vetusti palazzi del centro città per più eleganti palazzi moderni ricchi di confort all’epoca essenziali. Via XX Settembre venne concepita nell’ambito dell’urbanizzazione dell’area come perno del quartiere elegante. Fu concepita per essere lottizzata in piccoli appezzamenti destinati ad ospitare i villini signorili dell’alta borghesia, la nuova classe dominante sulla scena politica milanese. Fu così che fin dalla fine dell’Ottocento cominciarono a sorgere i primi villini in stile liberty, che ancora oggi la caratterizzano in larga parte.

Era una via elegante adatta per il passeggio, un viale a tre corsie con filare d’alberi di ippocastano a separarle in lunghe aiuole. Aiuole che avevano un marciapiedino in rizzata e un aiuola centrale cintata da una graziosa balaustra.

La descrizione di oggi: automobili sparse ovunque suddivise da tre carreggiate e da alcuni alberi di ippocastano.

A proposito delle automobili, non vi sembra ridicolo vedere che ci siano le strisce blu e gialle per i parcheggi residenti e a pagamento, mentre sui marciapiedi e sotto gli alberi il parcheggio sia libero?

 

Sappiamo che non si può riportare la via all’aspetto di inizio Novecento, ma un po’ più di ordine e senso civico non sarebbe meglio?

Che dire poi delle due piste ciclabili che vengono utilizzate dal 10% dei ciclisti?

 

Anche qui, come per il resto della città ogni ente ha eretto il proprio palo, così ravvicinati, senza un gran senso utile, troviamo un palo per il lampione, un palo per le luci centrali, un palo per i cavi dei tram, un semaforo e un palo che regge un altro semaforo a ponte…

 

La pista ciclabile venne creata tra gli anni Ottanta e i Novanta, sicuramente una delle prime realizzate a Milano. La ciclabile venne realizzata utilizzando una parte del marciapiede dell’ex aiuola, peccato che a volte è occupata dai sederoni delle vetture parcheggiate sotto gli alberi.

Unico pezzo sistemato misteriosamente è quello che da Via Vincenzo Monti porta alla rampa in salita per andare al Parco Sempione, naturalmente solo quello di destra, quello di sinistra è ancora utilizzato come parcheggio.

Ma non sarebbe meglio togliere le auto da sotto gli alberi, stringere i marciapiedi e far parcheggiare le auto su entrambi i lati delle aiuole? Togliere la ciclabile e rendere le decorsi laterali esclusive per chi voglia parcheggiare o andare in bicicletta? Magari anche razionalizzare anche i lampioni e i pali, facendo tornare anche questa via un po’ più bella?

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Zona Magenta – Via XX Settembre, una volta strada elegante

  1. Anonimo

    L’intero quartiere Magenta è ormai abbandonato da anni a se stesso. Il quartiere, sicuramente uno dei più belli della città, avrebbe bisogno un vero e proprio lifting per marciapiedi, aiuole ed arredamento urbano in genere ma da oltre un decennio in questa zona non viene speso un centesimo per la manutenzione. Un vero peccato se si pensa che quotidianamente grazie ai numerosi uffici e monumenti presenti è un quartiere molto visitato da pendolari, turisti e studenti. Trovo giusto sviluppare e rinnovare nuove aree ma trovo altrettanto importante mantenere in condizioni decenti quello che c’è già di bello a Milano. Speriamo che questa giunta ed il Municipio 1 prima o poi se ne accorgano.

  2. Anonimo

    Ennesimo angolo di Milano che si potrebbe risistemare e rendere ordinato con un investimento non colossale.
    Speriamo che arrivi in zona qualche immobiliarista che sventri un paio di palazzi storici per farci nuovi uffici o nuove case, così il Comune raggranella quattro soldi e sistema un po’ (considerazione amara su come funzionano le cose di questi tempi)

  3. Càtaro

    Ogni volta che pubblicate queste immagini in bianco e nero mi viene una tristezza infinita constatando come la qualità urbana di Milano fosse infinitamente migliore 100 anni fa di quanto non sia oggi.

    Magari bastava lasciare le cose così com’erano, come hanno fatto in moltissime città, per avere una Milano molto più bella.

  4. Anonimo

    Quella ciclabile è uno scandalo per la metà occupate da auto mal posteggiate…. e cosa fa la nostra benemerita polizia locale ? Il nulla più assoluto! Mai visti staccare un verbale in quella via. Non ci siamo proprio…almeno un minimo rispetto per le regole qualcuno deve imporlo.

    1. Wf

      Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli,Cordoli, cordoli, cordoli.

      Mi sono espresso in modo chiaro?
      😂😂😂😂👍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.