"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – Gli alberi seccano, specie se in vaso

Durante il Fuorisalone vennero istallati bellissimi alberi, anche pregiati, in giganteschi vasi davanti alla Rinascente, un progetto In&Out Green City Landscape dell’architetto Andrea Tognon.

Come avevamo visto, i vasi, ultimato l’evento di Primavera, vennero ricollocati. Alcuni rimasero nei pressi della Rinascente, in via Santa Redegonda, altri invece furono trasportati e distribuiti lungo via Vittor Pisani nel tratto più prossimo alla Stazione Centrale, quello spoglio da aiuole e alberature per intenderci.

Bell’idea, ma peccato che passandoci solo pochi giorni fa abbiamo constatato quello che temevamo, ovvero che senza le dovute cure anche questi bellissimi alberi periscono e seccano.

Ed è quello che è successo. Per ora, ci è parso solo un problema di due alberi, che sembrano avere sofferto parecchio, forse uno di questi è anche seccato. Perciò ci siamo chiesti, ma non sarebbe stato meglio piantarli in qualche giardino/parco o spazio più idoneo?

Adesso vedremo come si comporteranno, sperando in un intervento del Comune, salvando gli altri e ci auguriamo non diventino a breve anch’essi legna da ardere.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


22 thoughts on “Milano | Centrale – Gli alberi seccano, specie se in vaso

  1. PADANO.DOC

    Che banda di ignoranti caproni e incompetenti , tra 2 anni si vota speriamo che scompaiano come a livello nazionale, buzzurri !!!

  2. Anonimo

    Ma il piano verde tanto sbandierato in campagna elettorale dov’è ? Tanti proclami e pochi fatti.. Lo Stesso Sala aveva dichiarato più di 12 mesi fa che a Milano bisogna piantare più alberi ma oltre a questa dichiarazione alquanto elementare, ovvia e scontata, nulla ma proprio nulla è stato fatto in questo senso.
    Insomma quand’e’che possiamo vedere un benedetto piano di piantumazione di lungo periodo.?Tutti concordano che si tratti di una priorità per Milano e tutto sommato non è poi neanche un progetto che richieda dei grossi sforzi di pianificazione o costi insormontabili. Comincio ad essere veramente deluso da tutte queste chiacchiere con pochi fatti ….

      1. Anonimo

        Al parco della Vettabbia è nata una nuova area boscata, in località Bosco dell’Assunta, di circa cinquemila esemplari (di cui 3.374 alberi e 1.686 arbusti), che si aggiungono ai 2.029 che entro la fine di aprile saranno piantati dagli agricoltori in località S. Dionigi.

        Ci aggiungiamo quelli piantati nei frequentatissimi “Parco Galli, il Parco Sieroterapico, il Parco Forlanini, via Senigallia, via Stratico-Rospigliosi, lo svincolo Cascina Gobba, via Bentivoglio, via Viterbo.”

        Poi ci mettiamo le sostituzioni di quelli morti di sete l’anno prima.

        Poi uno dice, come mai il Comune pianta 15.000 alberi e le persone continuano a vedere la città supercementosa e con pochi alberi? 🙂

        1. Wf

          I tuoi dati positivi tra l’altro confermano che il vero problema di Milano è mettere il verde ler le strade e non nei parchi.

          Perché se li piazzi nei parchi sarà bello il parco ma la città resterà sempre grigia e cementosa.

        2. Anonimo

          La risposta te la sei data da solo nella tua risposta… Sono stati piantati alcuni alberelli nei parchi e lungo le tangenziali. La città non ha visto praticamente nessun incremento. Questo lo vuoi veramente chiamare piano verde per una città come Milano che ha velleità da metropoli europea e vuole attrarre cervelli esteri puntando sulla qualità della vita metropolitana ? Ma fammi il piacere… di non provare a difendere l’indifendibile. Questi da quando hanno iniziato la loro legislatura non hanno minimamente pensato a questo tema !

      2. ...

        La mamma degli ignoranti è sempre incinta. Solo così posso commentare il tuo post. E’ dal 1992 che i comuni sono obbligati a piantare ogni anno un numero di alberi pari ai bambini nati nel medesimo periodo. Non lo sapevi vero ?
        Quindi come dobbiamo giudicare una giunta che ha fatto del verde un suo cavallo di battaglia in campo elettorale e si limita a fare ciò che è obbligata per legge e stupidamente non piantando questo numero di alberi dove ce ne sarebbe realmente bisogno ( in città ) ma a casaccio in praterie paludi fuori dalla cerchia delle tangenziali dove anche un bambino e in grado con 2 euro di incestimento a piantare un albero. Scusa ma evidentemente la mia concezione di verde e le mie aspettative nei confronti dei nostri governanti sono leggermente più sofisticate delle tue.
        Per quanto riguarda l’articolo che hai postato si tratta dell’ennesimo proclama che a nulla porterà . ( leggilo bene ! )

  3. Claudiogi

    Ma quante volte bisogna ripetere le stesse cose? Gli alberi in vaso non vanno bene! L’apparato radicale non ha spazio a sufficienza per espandersi e pertanto queste piante hanno poche possibilità di sopravvivenza, oltre a costi unitari di manutenzione altissimi. Insomma sono soldi buttati via. Gli alberi vanno piantati nel terreno, in spazi idonei e dopo opportuna scelta della specie che, possibilmente, dovrebbe essere autoctona.

  4. Precotto doc

    Ma come si fa , già sei sotto pressione per i gravi problemi della stazione e periferie , lanci in pompamagna la riqualificazione della piazza e poi ti perdi in queste!!! Stanno ha fare le marcette

  5. Roberto Arsuffi Posta autore

    Il problema di fondo sono sempre i soldi, questi alberi erano donati… puntarli credo costi e va pianificato… E’ il problema delle città, come Roma…

    1. Anonimo

      Si però se anziché metterli al sole abbandonati, il Comune li avesse donati a qualcuno che se ne prendeva cura (magari un condominio in periferia o un palazzo in zona fuorisalone come “riparazione” per i disagi) magari anche se in vaso si salvavano e sopravvivevano.

    2. ...

      Se i problemi sono i soldi, e cioè che non ci sono, perché continuano a parlarci di verde ?
      Ci hanno forse preso per dei baluba…?
      Un minimo di serietà tra quello che si dice e quello che si fa ci deve essere !

  6. Anonimo

    Scusate ma a tutti i commentatori che lamentano pochi alberi in città dico che tra pochi mesi apre un nuovo grande parco, la biblioteca degli alberi, poi ci sono in programma una decina di nuovi parchi negli spazi degli scali, c’è il nuovo parco di city life.. Cos’è che volete esattamente? Arare piazza Duomo e metterci alberi? Oppure disfare qualche strada, con il groviglio incredibile di sottoservizi, per metterci qualche albero? La città è città, mica si può trasformare in una foresta. Per me per rendere più green Milano bisognerebbe far sparire le auto dalle piazze e dalle vie storiche, pulire qualche muro dai graffiti e incentivare la riqualificazione degli edifici in classe E, F, G.

    1. Anonimo

      Giustissimo far sparire auto e riqualificare edifici.

      Per il resto, per quanto riguarda la tua idea di città verde, consiglio di approfittare di una delle tante offerte a 19.99€ delle compagnie aeree low cost per visitare altre metropoli europee. Ti consiglio di scrutare bene i loro centri città, le aree residenziali e le aree con centri direzionali. Quando torni ci fai un resoconto e magari ti passa la voglia di fare lo spiritoso. Probabilmente Milano pecca di verde poiché il suo cittadino medio non conosce cosa c’è al di là del confine.

      1. Anonimo

        Bho, ma quindi cosa proponete? Davvero mica ho capito. Mettere al eri in quali vie? Dimmene almeno 3 o 4 perché non ho capito cosa risolviamo a spendere un sacco di soldi per sparare i sottoservizi, creare gli spazi per gli alberi e poi magari non avere più soldi per manutenere i parchi che abbiamo e che stanno nascendo. Uscirei dallo stereotipo di Milano poco verde, Milano è piu che altro assediate dalle auto e inquinata. Sotto agli alberi la gente piazza la propria auto che gocciola olio e massacra le radici! Eliminiamo le auto SUBITO da tutte le aiuole ma per favore, abbandoniamo la ‘infantile idea di credere che si possano piantare alberi ovunque perché non è vero e spesso nemmeno serve.

        1. Wf

          Ma cosa DICI!?

          Ma vai a Parigi e vedi i boulevard con gli alberi come sono belli.
          Oppure qualunque altra città con i viali alberati.

          Sei cieco se non vedi le differenze.
          È se sei cieco ti vanno bene anche alberi di plastica.

        2. Anonimo

          Anonimo, vai semplicemente a vedere com’è Via Bobbio sui Navigli con due filari di alberi (e via Bobbio è larga poco più di 6 metri da casa a casa…)
          Poi dimmi se Corso Cristoforo Colombo, Coni Zugna, Piazza Cantore, Corso Genova, Via Savona, Via Tortona la Piazza della Stazione di Porta Genova non potrebbero cambiare COMPLETAMENTE se avessimo voglia di rendere verde Milano.
          E sto facendo solo un esempio in zona semicentrale, appena esci dalla circonvallazione gli esempi sono decine e decine.

    2. Anonimo

      Caro Anonimo delle 20.28
      Milano è abbastanza grigia. Ci sono decine di vie che potrebbero essere alberate a Milano. Certo non in Piazza del Duomo, ma credimi c’è tutto un mondo a Milano che non è Milano o la cerchia della circonvallazione.

      Credi che per rendere più verde (in italiano si dice “verde” e non “green”) Milano basti togliere qualche auto dalle strade e pulire due muri e mettere il cappotto a qualche edificio anni 60?

      Io per la mia città spero in qualcosa di più bello e più entusiasmante, ma se ti accontenti…sei sicuramente a tuo agio nella Milano di oggi.

      1. Wf

        Tra l’altro si potrebbe anche partire dai vialoni di perfieria dove non ci sono né sottoservizi né metropolitane.

        A tal proposito non ho capito se la m4 corre proprio sotto viale forlanini e se è impossibile trasformarlo in un boulevard di ingresso in città alberato ndr…

  7. Precotto doc

    però se non sei in grado di curarli lascia perdere , non accettare , adesso oltre il danno c è la beffa , chi paga per portarli via ? In tutti vialoni dove non passa la metro si può piantare alberi , tipo viale Padova , il problema é la manutenzione che il comune non riesce ha fare

  8. Anonimo

    Sono proprio curioso di vedere se dopo aver terminato i lavori della M4 si degneranno di alberare la Cerchia dei Navigli….

    Li ci sono Km & Km disponibili per migliaia di alberi e una seria piantumazione oltre a portare un po’ di verde in centro aiuterebbe a portare ordine all’ arredo urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.