"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Roma | Fiumicino: nasce la Business City del Leonardo da Vinci.

E’ ufficiale che all’interno dell’aeroporto Leonardo da Vinci nascerà una nuova Business City. Il progetto è un’infrastruttura da 190 milioni per 91mila metri quadrati, progettata e realizzata da Aeroporti di Roma, e che prevede il riuso e il recupero di aree preesistenti senza andare a consumare suolo .La nuova business city sarà composta da sette edifici, che conteranno spazi di lavoro adatti a ogni esigenza, le cui linee saranno ispirate agli spazi di co-working, così da invogliare l’insediamento degli incubatori di imprese. A completare il complesso verranno realizzati un grande centro congressi da 1.300 posti per eventi e convegni, e due nuovi alberghi nonché diversi servizi generali quali front office di servizi pubblici, business lounge, uffici consolari, un centro medico, attività commerciali. Gli uffici saranno operativi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con soluzioni di domotica avanzata per il controllo degli accessi, dell’illuminazione e dei consumi energetici. Il progetto rientra nelle attività del completamento di Fiumicino Sud ed è stato già approvato da Enac come infrastruttura complementare allo scalo. La particolarità del progetto è che sarà impatto zero a livello di consumo di suolo, sarà realizzato infatti su aree industriali preesistenti.Il cronoprogramma prevede che i lavori inizino nei prossimi mesi con le prime opere di demolizione e strip out mentre nel durante il 2019 saranno affidati i lavori. I primi quattro edifici saranno pronti tra il 2022 e il 2023, i rimanenti tre apriranno nel 2024. I 91.000 mq di superficie saranno realizzati nel rispetto dei parametri internazionali di sostenibilità (certificazione Leed gold), con risparmi di acqua ed energia. Ci saranno anche aree verdi e arredo urbano per i circa 41mila mq di percorsi pedonali. Ospiterà ogni giorno circa 50mila persone: ai 40mila addetti dello scalo si aggiungeranno circa 10mila utenti della business city. Secondo uno studio realizzato dal gruppo Claus la business city a regime occuperà 5.300 lavoratori in modo diretto e 23.500 nell’indotto.

La nuova Business City del Leonardo da Vinci si configura come polo intermodale unico, all’interno delle strutture aeroportuali e a pochi minuti a piedi dalla stazione ferroviaria (dove già oggi transita l’alta velocità per Venezia, oltre che i treni verso Roma Termini e altre decine di collegamenti regionali), dalla Bus Station e dall’autostrada. Nasce così una vera e propria città aeroportuale, che ospiterà ogni giorno oltre 50mila persone: ai 40mila addetti dello scalo, si aggiungeranno infatti i circa 10mila utenti della Business City (tra i circa 5000 lavoratori diretti e altrettanti visitatori). Un centro complementare alla città tradizionale e in grado di contribuirne allo sviluppo, migliorandone fortemente l’attrattività.

Lo sviluppo commerciale della Business City sarà gestito direttamente da ADR, con la collaborazione di BNP Paribas Real Estate.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Claudio Nelli, 43 anni, milanese, nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione. Ma il percorso non poteva finire qui e nel 2015 fonda Dodecaedro Urbano, un contenitore per nuovi progetti e nuove sfide che coinvolgeranno sempre di più lo sfaccettato mondo delle città


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.