"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona San Babila – Cantiere Apple Store: aggiornamento 2 luglio 2018

A pochi giorni dall’avervi mostrato un aggiornamento dal cantiere dell’Apple Store di Norman Foster in costruzione in piazza del Liberty, ecco altre foto inviateci dal nostro lettore Valter  Repossi, che ringraziamo calorosamente, anche perché ci offre l’occasione per osservare l’avanzamento dei lavori dall’alto, osservando anche alcuni punti che ci interessano come i rivestimenti delle pareti.

In teoria il cantiere dovrebbe essere smontato entro il 18 luglio prossimo (16 giorni in tutto da oggi) perché l’intenzione di Apple è quella di aprire il nuovo e attesissimo negozio per quella data, ma forse, potrebbe slittare di almeno una settimana ancora. Cosa stia succedendo sotto la piazza, all’interno del negozio nulla si sa, ma in superficie, come possiamo vedere, i muratori sono in gran fermento tutti i giorni per cercare di completare l’arredo urbano della piazza il prima possibile. La scalinata, le balaustre vetrate, la fontana, le piante e la pavimentazione in teoria hanno ancora due settimane per venire completati. Staremo a vedere cosa riescono a fare quelli della “mela” di Cupertino, se aprire nella data diffusa da giorni o rimandare ancora.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


2 thoughts on “Milano | Zona San Babila – Cantiere Apple Store: aggiornamento 2 luglio 2018

  1. Anonimo

    Di sicuro non ce la fanno, rimandano al 100%. Comunque c’è da dire che il palazzo del consolato Britannico li dietro è veramente osceno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.