"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Ciclabile attorno a Piazza della Repubblica: 12-07-2018

Aggiornamento al cantiere per le nuove ciclabili in fase di realizzazione in piazza della Repubblica. Sono il proseguimento della ciclabile realizzata già in viale Monte Santo e che proseguiranno in via Vittor Pisani per collegarsi a piazza Duca d’Aosta.

In questo momento i lavori sono concentrati nell’area centrale della piazza. Per quest’operazione sono state ristrette alcune careggiate e anche aiuole.

Abbiamo notato anche l’utilizzo di tavole in legno sistemate per gli attraversamenti pedonali dove ci sono i binari su selciato. Molto carina come soluzione, dobbiamo dire, anche se potevano essere collocati in modo da essere “bloccati” e allineati, per dare un maggior senso d’ordine. Così sono un po’ disordinati.

Di seguito alcune immagini di viale Monte Santo, dove le ciclabili sono già state completate. Onestamente non capiamo comunque perché siano stati creati così tanti “marciapiedi dove non servivano, di fatto eliminando parcheggi che potevano servire.

Altra questione che ci lascia perplessi è quella del fatto che col fatto che le carreggiate sono state ristrette, di certo non agevoleranno il flusso del traffico sui bastioni di Porta Venezia (Viale Fiume). Come si vede nelle tre foto di seguito, nulla è cambiato e l’intoppo di piazza della Repubblica è lo stesso di sempre, anzi, forse peggio.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


13 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Ciclabile attorno a Piazza della Repubblica: 12-07-2018

  1. Precotto doc

    Le asse di legno !! Quanto durano ? Saranno pure carine , ma vi ricordate quelle di porta nuova dopo tre anni , solo che li essendo privati sono state sostituite , mentre qua marciranno

  2. Wf

    Che bel LAVORO!
    Ottimo.
    Proprio dove ,e strade sono più paurose e pericolose per chi vuol andare in bici smettendo di intasare le strade con catafalchi mobili di lamiera..

    BRAVI!
    Finalmente un pezzettino d’Europa pure noi…

    1. Islington

      Sarebbe stato ancora meglio se avessero messo le mattonelle al posto del catrame sui marciapiedi rifatti…

      Ma se tanto mi dà tanto, visto che noi stiamo facendo adesso le piste ciclabili che all’estero hanno fatto negli anni 80-90, l’innovazione delle mattonelle per i marciapiedi da noi arriverà negli anni 2030-2040.

      1. _

        E per rimanere in tema, nel 2030-2040 si inizierà a parlare di criteri uniformi di progettazione per bike lanes e cycle tracks (scusate i termini inglesi ma in Italiano facciamo un minestrone unico e chiamiamo tutto “pista ciclabile”) e per le intersezioni.
        L’importante è arrivarci.

        1. Anonimo

          Esistono termini differenti anche in italiano

          le piste ciclabili sono piste ciclabili e punto. i ‘cycle tracks’ in italiano si chiamano percorsi ciclabili.

          1. Anonimo

            No.
            Bike lanes son quelle segnate per terra. Cycle tracks son quelle con marciapiedini di protezione.

  3. Anonimo

    Per me questo nuovi pezzettini di ciclabili saranno utilissimi. Spero solo che non ci impieghino mesi per aprirli.
    Noto poi con stupore che sembrano senza tombini, che di solito sono un classico per le poche ciclabili cittadine: piene di avvallamenti, radici degli alberi (martesana per esempio) o, appunto, tombini di ogni società o gestore, con i loro dislivelli

  4. Anonimo

    Simpatica nella prima foto la fermata ATM a misura di disabile: l’attraversamento per andare dal marciapiedino al marciapiede vero è dieci metri più avanti della fermata. Ma magicamente proprio in corrispondenza ci piazzano due bei pali…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.