"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Nuova vita per il palazzo di via Cordusio 2

Milano | Piazza Cordusio

Costruito agli inizi del 1900 su progetto di Francesco Bellorini ed Ippolito de Strani, l’immobile di Piazza Cordusio è entrato a far parte nel 2016 del portafoglio BVKHighstreetRetailCordusioSpa sotto la gestione del Gruppo Hines, guidato in Italia da Mario Abbadessa.

L’intervento di Park Associati, nel solco di un dialogo bilanciato tra l’eclettismo neorinascimentale dell’esistente ed un rinnovato rapporto con il contemporaneo, riguarderà il recupero e la rifunzionalizzazione dell’intero immobile con destinazione d’uso Office&Retail.

I piani Terra e Primo ridestinati al Retail saranno completamente ridisegnati nel layout così da fornire continuità delle superfici di vendita dal fronte Cordusio/Dante fino al fronte su Santa Maria Segreta. Mentre i piani dal secondo al sesto verranno rifunzionalizzati come Aree destinate ad Uffici enfatizzando le ampie superfici vetrate e la continuità di layout, flessibile e frazionabile in una logica Multitenant.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


5 thoughts on “Milano | Nuova vita per il palazzo di via Cordusio 2

  1. robertoq

    L’avevo probabilmente scritto male e ieri sera mi avete cancellato il post (ci sta…).
    Quindi ci riprovo – sperando di avere più successo:

    Certe frasi tipo “continuità di layout, flessibile e frazionabile in una logica Multitenant” (che sicuramente vengono dal lancio stampa di qualche agenzia di pubbliche relazioni) sono a mio parere quasi grottesche perché nascondono con un linguaggio mezzo gergale, mezzo inglese e poco italiano il niente più assoluto.

    In questo caso (sempre a mio parere, molto probabilmente sbagliato): Non vi diciamo quale sia il progetto (la foto articolo è lo stato di fatto!), non sappiamo chi ci andrà, non diciamo se è restauro conservativo o si tiene solo la facciata.

    Che poi, a me va benone se svuotano il palazzo e lo rifanno ex novo col bonus cubatura e soppalco d’ordinanza, quel che faccio fatica a accettare essere preso per fesso dagli imprenditori immobiliari con un linguaggio schermo per le allodole. 🙂

    PS in ogni caso, grazie ad UB che altrimenti non si saprebbe nulla di nulla di quel che succede in città!!

    1. Anonimo

      Appoggio anch’io la tua critica benevola… va bene riprendere un comunicato stampa, ma risulta quasi una presa in giro l’utilizzo di questo linguaggio.
      In ogni caso vi stimo e ringrazio UF !!
      Stes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.